×

Finestrini sostituiti da schermi: la rivoluzione nel trasporto aereo

Grazie a questo drastico cambiamento, verrà ridotta la massa complessiva degli aeroplani, consentendo così di risparmiare carburante.

finestrino-aereo

Tra non molti anni i finestrini degli aerei di linea potrebbero essere solo un ricordo. Stando infatti a delle ricerche compiute dall’istituto scientifico inglese del Center for Process Innovation, tra circa un decennio essi saranno sostituiti da una fila di schermi Oled. I dispositivi consentiranno così a tutti i passeggeri di poter godere appieno della veduta da 10mila metri di altitudine.

Gli schermi trasmetteranno la realtà esterna

Nelle intenzioni della ricerca, i touchscreen a tecnologia Oled saranno presenti su tutta la lunghezza dell’aereo. Una soluzione che oltre a permettere ai passeggeri di osservare l’esterno del velivolo consentirà di accedere alle informazioni di volo, usufruire dei servizi offerti dal viaggio e di chiamare le hostess.

Grazie a questo drastico cambiamento inoltre, verrà sensibilmente ridotta la massa complessiva dell’aeromobile.

Gli studi compiuti dal Cpi hanno infatti dimostrato come i finestrini costituiscano un’enorme fonte di peso in eccesso, aumentando la fragilità della fusoliera. L’eccesso di peso dell’aeroplano influisce peraltro sul consumo di carburante e di conseguenza sull’inquinamento atmosferico.

Una tecnologia già in uso su Emirates

Entusiasta di questa innovazione è il presidente della compagnia aerea Emirates, Tim Clark, che spiega come abbia già provveduto ad installare la tecnologia sulla prima classe dei suoi Boeing 777-300ER: “Immaginate di imbarcarvi in un jet senza finestrini, ma una volta dentro ecco che i finestrini ci sono”.

Non mancano tuttavia anche le perplessità nei confronti del nuovo dispositivo. Alcuni passeggeri potrebbero soffrire di claustrofobia a causa della mancanza di finestrini, mentre per le persone che hanno paura di volare la sensazione di disagio aumenterebbe vedendosi circondati dall’immensità del cielo su ogni lato.


Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche