> > Scontri sulla A1, atteso il dl ad hoc di Piantedosi per lo stop alle trasfert...

Scontri sulla A1, atteso il dl ad hoc di Piantedosi per lo stop alle trasferte dei tifosi di Napoli

scontri a1 dl piantedosi

In arrivo il dl ad hoc firmato dal ministro Matteo Piantedosi per imporre lo stop alle trasferte di Napoli e Roma dopo gli scontri sulla A1.

Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi è pronto a varare un dl per imporre lo sto alle trasferte dei tifosi di Roma e Napoli dopo i drammatici scontri che si sono consumati sull’autostrada A1.

Scontri sulla A1, atteso il dl ad hoc di Piantedosi per lo stop alle trasferte dei tifosi di Napoli e Roma

Nella giornata di venerdì 13 gennaio, in concomitanza con la gara di anticipo del campionato Napoli-Juventus, potrebbe arrivare lo stop alle trasferte per i tifosi di Roma e Napoli. La durata dello stop, però, non è ancora stata definita. È quasi certo che la decisione verrà presa dal ministro dell’Interno Matteo Piantedosi e comunicata con la firma di un decreto ad hoc.

È anche lecito presumere che il divieto potrebbe valere per più di una partita, forse per almeno un mese. In tal senso, esiste un unico precedente ossia il provvedimento siglato nel 2014 dall’allora titolare del Viminale Angelino Alfano che vietò le trasferte ai tifosi dell’Atalanta per tre mesi. I tifosi si erano resi protagonisti di gravi episodi di violenza al termine di un match.

Il provvedimento ha come obiettivo quello di punire il comportamento delle tifoserie di Napoli e Roma dopo quanto accaduto domenica 8 gennaio quando i due gruppi si sono scontrati l’uno contro l’altro all’interno dell’area di servizio di Badia al Pino, in provincia di Arezzo, sulla A1 in direzione Nord.

Lo scontro si è, poi, esteso sulla carreggiata provocando la chiusura di un tratto di autostrada e code di veicoli che hanno raggiunto i 13 chilometri di lunghezza. A seguito dell’accaduto, la Procura di Arezzo ha aperto un’inchiesta nell’ambito della quale sono già stati effettuati alcuni fermi.

Rischi futuri

Al momento, l’obiettivo del Viminale è quello di evitare che si ripetano situazioni analoghe in futuro. In particolare, vengono giudicate ad alto rischio altre due partite che potrebbe vedere protagoniste Roma e Napoli.

Se è vero che la partita di campionato Roma-Napoli è già stata disputata, domenica 29 gennaio è previsto il ritorno al Maradona alle 20:45. I tifosi giallorossi non saranno sugli spalti e, dal 2014, il divieto di trasferta è applicato anche ai tifosi napoletani. Non possono essere esclusi, tuttavia, eventuali scontri magari alimentati dal desiderio di vendetta, vicino o lontano dallo stadio.

Le due squadre, poi, potrebbero tornare a incontrarsi 72 ore, alle 18 di mercoledì 1° febbraio, nel caso in cui la Roma vincesse contro il Genoa e il Napoli contro il Cremose, superando il turno in Coppa Italia.