> > Sondaggi, aumenta la fiducia degli italiani nel Governo Meloni. Sorpasso di M...

Sondaggi, aumenta la fiducia degli italiani nel Governo Meloni. Sorpasso di M5S sul PD

Sondaggio Governo Meloni

Ci sono ottime notizie per il Governo. Il 45,6% degli italiani ha fiducia nel premier. I Cinque Stelle si confermano secondo partito.

La percentuale di italiani che nutrono fiducia nel Governo Meloni è cresciuta, toccando quota 45,6%.

Questo è ciò che emerge dal sondaggio realizzato da Termometro Politico che ha analizzato alcuni aspetti particolarmente caldi come le pensioni, la crescita del PIL o ancora il suffragio universale. 

Sondaggio sul Governo Meloni: sorpasso del Movimento 5 Stelle sul PD 

Se da una parte quasi la metà degli italiani nutre la propria fiducia sul presidente del Consiglio Giorgia Meloni, dall’altra ciò che emerge è un dato estremamente interessante: il Movimento 5 Stelle guidato da Giuseppe Conte è il secondo partito con il 17,1% di consensi.

Stacca per pochissimo il PD che si attesta al 17%. Cresce, seppure sensibilmente Forza Italia, ora al 6,9% dei consensi, mentre la Lega continua a calare ed è a quota 8%. Fratelli d’Italia è per il momento in netto vantaggio con il 28,7%. 

Dalla pensione all’economia: cosa pensano gli italiani 

Per ciò che riguarda le pensioni, il 37,5% ritiene che debba essere consentito a 60 o 62 anni di smettere di lavorare a prescindere dai contributi. Il 29,4% degli intervistati pensa che manovre come quota 100 o 102 debbano essere permanenti, mentre il 14,1% sostiene che stiamo già investendo troppe risorse. 

Sul fronte recessione c’è un sostanziale pessismo da parte del 43,6% degli intervistati che pensa che il PIL diminuirà.

Viceversa il 13,1% sostiene che il PIL possa crescere più delle previsioni, mentre il 36,6% ha affermato che non ci troviamo in un clima di recessione, ma comunque il Prodotto Interno Lordo crescerà di pochi decimali. 

…e sul suffragio universale? 

Non ultimo a sostenere che il suffragio universale è l’unico sistema veramente adottabile (pur con dei limiti) e il 74,8% degli intervistati. Secondo il 9,6% dovrebbe votare solo chi ha un certo di tipo istruzione o supera un test, mentre il 4,8% dichiara che un leader non dovrebbe essere scelto sulla base del risultato elettorale, ma sulle competenze.