10 modi bizzarri di morire COMMENTA  

10 modi bizzarri di morire COMMENTA  

Con tutto il rispetto per i saggi e le sfere di cristallo consultati in tutto il mondo, non sapremo mai come o quando moriremo. Ci sono un sacco di modi per morire, e alcuni sono sicuramente più bizzarri di altri. persino cause naturali come un attacco di cuore possono essere provocate da circostanze piuttosto strane. Così mentre un certificato di morte potrebbe riportare “morto nel sonno”, la clausola scritta in piccolo potrebbe dire “dopo che un satellite è caduto attraverso il tetto”.

Nella storia ci sono state alcune morti piuttosto insolite. Attila l’Unno si dice che sia morto per un sanguinamento del naso. Isadora Duncan, una popolare ballerina Americana degli anni ’20, è morta strangolata dalla sua sciarpa che si era impigliata nell’asse della macchina che stava guidando. Stanford White, architetto del Madison Square Garden di New York, fu sparato e ucciso sul tetto dell’edificio che aveva progettatto. E lo scrittore Tennessee Williams si è strozzato con un tappo di bottiglia.


Questi sono dei modi strani e ironici di morire, ma non reggono il confronto con le 10 morti bizzarre che seguono:

Morte in un buco per il drenaggio dell’acqua piovana

storm drain

Questa morte bizzarra e triste è un buon esempio di una tragica sfortuna. nel 2008, un canadese è morto dopo aver tentato di recuperare il portafogli rubato da una grata per il drenaggio dell’acqua piovana. Il portafogli e altri effetti personali erano stati rubati dopo che l’uomo di 57 anni li aveva lasciati a una stazione di rifornimento. L’uomo aveva chiamato la polizia prima di trovare il portafogli in una grata di drenaggio vicina. Aveva cercato senza successo di raggiungerlo una volta prima che arrivasse la polizia e lo avvertisse di non riprovare. Ma l’uomo è ritornato più tardi, ha rimosso la grata e fatto un altro tentativo. Quando un agente che stava facendo delle investigazioni sul crimine ha notato che il camion dell’uomo era ritornato, ha controllato la grata e trovato l’uomo incastrato parecchi metri sotto la strada. La vittima era ancora viva ed è rimasta tale mentre i vigili del fuoco usavano un carro attrezzi per estrarlo dalla grata. Sfortunatamente, è morto all’ospedale poco tempo dopo.


Morte per il deodorante

deodorante

Nel 1998, un ragazzo di 16 anni mor’ per un attacco di cuore dopo essere stato esposto a troppo deodorante. Al momento della sua morte, la BBC affermò che più di 130 persone erano morte dopo aver inalato di proposito deodoranti dal 1971, ma la morte del ragazzo è stata l’unico caso accidentale. Pare che fosse ossessionato dall’igiene personale e dal buon odore, così si era spruzzato interamente il corpo con un deodorante alemno due volte al giorno. La famiglia del ragazzo poteva sentire l’odore dal piano di sotto. Nonostante ciò, non hanno mai pensato che potesse essere pericoloso. Un’autopsia ha rivelato che aveva 10 volte la quantità letale di butano e propano nel sangue. E’ venuto fuori che il ragazzo ha usato il deodorante in uno spazio ristretto e chiuso anche se le etichette avvertivano di usarlo in un’area ben ventilata.


Si deve notare che in alcuni studi fatti dalla British Aerosol Manufacturers’ Association e l’unità tossicologica al St. George’s Hospital di Londra, i ricercatori non sono stati in grado di riprodurre le condizioni che possono  portare effetti fatali o dannosi in seguito ad un’applicazione eccessiva di prodotti spray in uno spazio ristretto e chiuso.

L'articolo prosegue subito dopo


Morte per la barba

barba

Fino al Novembre del 2008, un insegnante di scuola canadese di nome Sarwan Sing, ha mantenuto il Guinness World record per avere la barba più lunga del mondo. Misurava dal suo mento 2.36 metri. Ma il record di tutti i tempi va ad un norvegese che ha cresciuto la sua barba fino a una lunghezza di 5.3 metri. Il suo nome era  Hans Langseth ed è morto nel 1927. La sua barba è stata anche esposta nello Smithsonian Institute.

Nessuno di questi uomini ha avuto grandi problemi con la propria barba. La stessa cosa non si può dire di un austriaco della metà del 1500. La barba di Hans Steininger era lunga circa 1.4 metri, ma abbastanza per provocargli la morte. Hans teneva la sua barba arrotolata in un marsupio di cuoio, ma non lo fece un giorno nel 1567. Un incendio scoppiò nella sua città quel giorno e lui inciampò ripetutamente nella sua barba mentre cercava di evacuare. Ci sono notizie contrastanti su se Steininger si ruppe il collo o morì nell’incendio, ma in entrambi i casi fu un modo molto bizzarro di morire.

Morte per una pecora affamata

Le pecore sono delle creature piuttosto mansuete. Se visiti una fattoria di pecore, troverai probabilmente le creature lanose che si muovono senza meta e ruminano dell’erba. Sfortunatamente, nel 1999, una donna in Inghilterra ha scoperto che le pecore possono avere un lato aggressivo se sono piuttosto affamate. Betty Stobbs era la moglie di un agricoltore e al tempo della suo tragico incontro aveva 67 anni. Stava portando un pasto di fieno alle pecore della famiglia usando un veicolo quad a quattro ruote. Le pecore erano in un campo sovrastando una cava. Quando Stobbs arrivò, il gregge affamato l’attaccò e saltò sul veicolo, facendola cadere nella cava. La triste ironia di questa tragedia è che non morì per la caduta. Avrebbe potuto anche sopravvivere, ma il veicolo fu preso a colpi e la schiacciò.

Morte per reggiseno

bra

Questa non è stata esattamente causata da un reggiseno, ma l’indumento intimo della donna certamente non ha aiutato la situazione per due signore di Londra, nel 1999. Queste due amiche stavano passeggiando per Hyde Park un giorno quando è scoppiato un temporale. Pare che la coppia abbia cercato rifugio sotto un grande albero quando un grosso fulmine le ha colpite. A quanto pare il sostegno di metallo dei reggiseni delle donne ha agito come conduttore, anche se il coroner ha affermato che sarebbero morte anche se non avessero indossato i reggiseni. Sfortunatamente, le donne furono uccise entrambe all’istante e i loro corpo sono rimasti lì per 15 ore prima che qualcuno si avvicinasse. La causa ufficiale della morte, come è stata definita dal coroner Dr. Paul Knapman, è stata fatalità.

Morte per video game

videogames

Un rappresentante dell’azienda di ricerca sul mercato The NPD Group ha fatto un annuncio allarmante al Summit DICE dell’industria dei video game nel 2009. Chi lavora nell’industria dei video game sapeva che i loro prodotti stavano attraversando una seria crescita, ma la rivelazione che 6 milioni di nuovi potenziali clienti hanno iniziato a giocare ai video game nel 2008 è arrivata come una sorpresa benvenuta. La conferenza ha anche rivelato che il gioco online, quando i giocatori giocano l’uno contro l’altro via Internet, è cresciuto del 2 percento nel 2008.

Tutta questa attività ha portato ad interessarsi alla dipendenza da video game. Questi interessi sono stati giustificati nel 2005 quando un giovane uomo della Corea del Sud è morto dopo aver giocato per un lungo tempo alla versione online del gioco Starcraft. Il gioco è popolare nella Corea del Sud, e i giocatori famosi sono riveriti. Il 28enne in questo caso tragico aveva giocato per quasi 50 ore di segutio in un internet cafè di Taegu, facendo solo delle piccole pause per fare un pisolino. E’ stato trasportato d’urgenza in ospedale dopo essere crollato, ma è morto subito dopo. La polizia ha detto che la causa della morte è stata un arresto cardiaco provocato da uno sfinimento grave.

Morte per melassa

melassa

Questa non è stata una sola morte, ma 21 morti, tutte per la stessa causa bizzarra. Un tiepido giorno di gennaio del 1919 a Boston, una grossa cisterna contenente circa 2.5 galloni di melassa esplose nel Nord est della città. La cisterna, alta 15.2 metri con un diametro di 27.4 metri, si trovava su un area popolata allora in gran parte da immigranti italiani. Nessuno sa con certezza cosa abbia provocato la grossa esplosione.

Alcune delle morti sono attribuite alla forza della stessa esplosione, ed è impossibile dire ora esattamente quanti morirono dopo. Ma sappiamo che l’esplosione causò la discesa di un muro di melassa che era alto 7.6 metri ad una velocità di 35 miglia all’ora. L’onda appiccicosa si abbattè sulle persone che morirono annegate nel liquido scuro.

Ci vollero mesi per pulire e furono aperte più di 100 cause per almeno 1 milione di dollari sei anni dopo l’incidente. I residenti del luogo sfortunato affermano di sentire ancora l’odore della melassa nei caldi giorni estivi.

Morte per l’insegna di Hollywood

holliwood sign

Hollywood ha lasciato più di qualche sogno di fama e fortuna negli anni. La più famosa di queste tristi storie è probabilmente quella di Peg Entwistle, una giovane attrice gallese. Enwistle ebbe del successo a teatro, persino ruoli a Broadway, a New York, ma come molti altri, fu attirata dalle luci brillanti di Hollywood, a Los Angeles.

Una volta in California, ebbe un pò di successo quando ebbe una parte nel film “Thirteen Women,” ma la fama che desiderava la evitava. Le proiezioni di prova del film non andarono bene, e molto del suo lavoro venne tagliato dal prodotto finale. Il 16 settembre 1932, salì sulla famosa insegna di  Hollywood per il suo atto finale. All’epoca, l’insegna era ancora “Hollywoodland” ed era semplicemente una pubblicità per lo sviluppo di nuove case. Entwistle lasciò i suoi averi, incluso un biglietto di suicidio, alla base dell’insegna e poi salì su e si lasciò cadere dalla cima della lettera H.

Il suo corpo giacque lì per 2 giorni prima che fosse trovato e identificato da uno zio, che viveva sulle colline vicino all’insegna. Il suo biglietto diceva semplicemente “Ho paura, sono una codarda. Mi dispiace per tutto. Se lo avessi fatto molto tempo fa, avrei risparmiato un sacco di dolore. P.P.” ironicamente, arrivò una lettera il giorno dopo per lei che le offriva una parte in un film su una donna sul punto di suicidarsi.

Morte per un ammasso di spazzatura

spazzatura

 

Dicono che la spazzatura di un uomo sia il tesoro di un altro, ma la situazione può sfuggire di mano se diventi una persona che non butta via niente. La maggior parte delle persone hanno un pò di questa tendenza, ma non fino al punto di ucciderle. Purtroppo, la stessa cosa non può essere detta dei fratelli Collyer di New York.

Langley and Homer Collyer si sono trasferiti a New York, ad harlem, nel 1909, quando avevano vent’anni. Figli di una famiglia benestante, I fratelli divennero progressivamente dei reclusi e cominciarono ad accumulare oggetti. Si stima che ci fossero 180 tonnellate di “spazzatura” nell’appartamento. candelieri rotti, carrozzine per bambini rotte, piani frantumati, orologi spaccati e mobilio erano impilati in ogni angolo della casa. Homer divenne cieco negli anni ’30 e fu costretto a letto a causa dei reumatismi negli anni ’40. Il fratello più giovane si occupava di tutti i suoi bisogni, e conservò persino centinaia di migliaia di giornali nella speranza che Homer riguadagnasse la vista.

Stranamente, la casa era anche disseminata di trappole esplosive per prevenire che entrassero degli intrusi. Langley inciampò in una delle trappole e fu sepolto da una valanga di spazzatura. Incapace di aiutare, Homer morì lentamente di fame mentre suo fratello giaceva sotto l’ammasso di spazzatura. La polizia cercò a Manhattan per settimane prima di rendersi conto che Langley era sepolto nella sua stessa casa.

Morte per fenomeni inspiegabili

fenomeni inspiegabili

Quello che ha causato esattamente la morte di 9 escursionisti sui Monti Urali in Russia, il 2 Febbraio 1959, rimane uno dei misteri non risolti più noti del paese. Il 28 gennaio, 10 studenti dell’Istituto  Politecnico degli Urali partirono per fare dell’escursionismo invernale. Un membro si ammalò e fu lasciato indietro per recuperare in un insediamento montano.

Gli altri nove non ritornarono mai dai boschi, e quello che hanno scoperto gli investigatori è spaventoso e poco chiaro. La loro tenda abbandonata venne trovata squarciata dall’interno, mezza sepolta nella neve, con le scarpe e gli effetti dei ragazzi ancora dentro. I primi due corpi furono trovati sul ciglio della foresta, senza scarpe e con gli indumenti intimi. Gli altri 3 corpi furono trovati in condizioni simili nelle vicinanze. Due mesi dopo, l’ultimo dei corpi fu ritrovato seppellito nella neve a circa 75 metri dalle prime vittime.

Questi 4 studenti avevano grosse ferite interne, costole rotte e i crani fracassati. A uno di loro mancava la lingua. Quello che ha reso perplessi gli investigatori era che non c’erano segni di lotta e ferite esterne. Le ultime quattro vittime indossavano alcuni dei vestiti degli altri che si scoprì che avevano alti livelli di radiazioni.

Le teorie sono abbondate negli anni, valanga, interazione aliena e test militare per dirne alcune. Il caso fu chiuso fino al 1990, quando si seppe che delle sfere di un arancione brillante erano state viste quella notte da altri escursionisti. Questo e le radiazioni sui vestiti a portato molte persone a credere che fossero alcune bravate militari segrete, anche se il governo russo non ha mai confessato niente.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*