7 regole per guadagnare con gli affitti COMMENTA  

7 regole per guadagnare con gli affitti COMMENTA  

http://www.notizie.it/wp-content/uploads/2016/07/guadagnare-con-gli-affitti.jpg
http://www.notizie.it/wp-content/uploads/2016/07/guadagnare-con-gli-affitti.jpg

Come guadagnare in fretta e in modo sicuro da un affitto? 7 regole da osservare:

1.L’importanza della scelta del contratto. Vi sono varie tipologie di contratto di locazione

  • Locazione ad uso transitorio – si tratta di una particolare tipologia di contratto di locazione dalla durata compresa tra 1 e 18 mesi, legato a temporanee esigenze dell’inquilino.
  • Locazione turistica –  è un contratto particolarmente snello e breve. Ha durata massima di 30 giorni. Non richiede la registrazione presso l’Agenzia delle Entrate.
  • Locazione a studenti universitari – Il contratto ha durata massima di 36 mesi.
  • Locazione a canone libero – è la tipologia più comune di contratto di locazione. Ha una durata fissa di 4 anni, prorogabili automaticamente per i successivi 4. Vincola l’immobile per un lungo periodo.
  • Locazione a canone concordato – frutto di accordo tra associazioni di proprietari e di affittuari, che stabiliscono Comune per Comune l’importo del canone.Tale contratto ha durata di 3 anni.

2. Si può anche agire in proprio. Avete mai pensato di eliminare il costo dato dalle agenzie immobiliari? Con internet i siti dove poter inserire gli annunci per l’affitto del vostro immobile sono tanti, per esempio Airbnb.


3. Uno degli elementi fondamentali per fare scegliere il nostro immobile al potenziale affittuario è la presentazione. Presentare la casa pulita e luminosa e il suo valore aggiunto è il primo modo per lasciare una buona impressione all’ inquilino direttamente dall’ annuncio immobiliare.


4. Il canone di locazione è un elemento fondamentale. Il canone di affitto di un immobile deve essere il quanto più possibile equo rispetto al valore dell’immobile. Questo porterà in breve tempo nuovi potenziali affittuari.


5. Dal contratto di locazione derivano tutti i diritti e gli obblighi sia per il proprietario che per l’affittuario. I classici errori nella stipula del contratto sono: nella registrazione, nella mancata compilazione dell’inventario, nelle mancate garanzie da parte dell’inquilino.

L'articolo prosegue subito dopo


6. Un appartamento sfitto è un costo per il proprietario. E’ meglio abbassare il canone piuttosto che aspettare potenziali affittuari disponibili a pagare un canone maggiore.

7. Il reddito da locazione va dichiarato al fisco e deve essere assoggettato a tassazione.

Stanno emergendo realtà specializzate nella gestione integrale degli immobili in affitto breve: Guesthero è una di queste. Il portale, specializzato negli affitti brevi che si occupa dell’intera gestione dell’immobile.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*