Come aprire un nuovo studio di ingegneria e avere successo

Lavoro

Come aprire un nuovo studio di ingegneria e avere successo

Ingegneria

Fare l'ingegnere è un compito piuttosto difficile ma molto ricercato nel mondo lavorativo odierno.

Al mondo esistono diversi rami dell’ingegneria: edile, meccanica, aerospaziale o matematica sono solo alcune delle discipline di competenza di un ingegnere.

Queste figure professionali sono molto ricercate e, negli ultimi tempi, sono sempre di più i dottori in ingegneria che decidono di aprire uno studio indipendente in cui lavorare.

Un pò di dritte

Ma come si può aprire uno studio di ingegneria? Qual è l’iter burocratico da seguire?

Innanzitutto, per aprire uno studio di ingegneria bisogna essere in possesso di una laurea triennale o quinquiennale che attesti il conseguimento dei propri studi; con il documento di laurea in mano si può iscriversi all’albo degli ingegneri e dichiarare non solo il proprio status professionale ma anche avere diritto a un’indipendenza lavorativa.

Successivamente, bisogna aprire una PARTITA IVA e registrarsi alla Camera di Commercio, dove dovrete dichiarare la volontà di aprire uno studio di ingegneria. Aprire una P.I. È piuttosto oneroso ma è la conditio sine qua non per avviare una propria attività.

Trascorsi 30 giorni, la Camera di Commercio vi darà l’ok per aprire il vostro studio.

Come gestire al meglio l’avviamento alla professione

Nel frattempo dovrete occuparvi di scegliere la location, il nome e l’arredamento del vostro studio; iniziando dalla location, avrete bisogno di uno spazio piuttosto grande in cui ospitare tutta la strumentazione necessaria: computer, telefoni, fax, stampanti e fotocopiatrice sono accessori necessari in uno studio di ingegneria.

Passando al nome, potrete dare ampio spazio alla fantasia anche se dovete stare attenti che quello da voi scelto non sia già in uso nelle vicininanze: questo infatti non è solo legalmente proibito ma potrebbe creare confusione negli utenti che vi cercano. Per aiutarvi a capire se il vostro nome è già registrato o potete utilizzarlo liberamente, potete chiedere alla Camera di Commercio. Di solito si usa il cognome o il nome di famiglia dell”Ingegnere.

Infine, ciò che non può mancare nel vostro studio sono la cassa e il POS, il point of sale necessario al pagamento con le carte elettroniche che, dall’Ottobre 2016, è obbligatorio in tutti i punti vendita privati e pubblici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...