Camerun: kamikaze in una moschea, almeno 10 morti COMMENTA  

Camerun: kamikaze in una moschea, almeno 10 morti COMMENTA  

strage in una moschea

Strage in una moschea in Camerun

Non sono ancora passate 24 ore e si registra un’altra impennata del terrorismo: strage in una moschea in Camerun.


Due donne, provenienti con molta probabilità dalla Nigeria, si sono fatte esplodere in una moschea nel, piccolo villaggio di Kouyape , nel distretto di Kolofata, ai confini appunto dello stato africano Nigeriano.


Il bilancio delle vittime è di 10 morti. E’ quanto riferisce il governatore regionale, Midjiyawa Bakari.

Il Camerun, come pure il Ciad e il Niger, sono nel mirino del terrorismo islamico nigeriano, in particolar modo del gruppo Boko Haram e Kolofata è stata una delle città più colpite. Nel corso del tempo il gruppo terroristico ha mietuto centinaia di vittime servendosi anche di bambini kamikaze e attentati di diversa specie, seminando terrore e morte.


Il Camerun, è uno dei cinque stati, con Nigeria,  Ciad, Niger, Benin, a fornire truppe ad una task force regionale che combatte Boko Haram. I vari rastrellamenti e interventi eseguita dalla task force, hanno indebolito la formazione terroristica, che evita sistematicamente gli scontri con l’esercito, ma ha aumentato esponenzialmente gli attacchi suicidi, affiliandosi nello scorso anno all’Isis.

L'articolo prosegue subito dopo


Non è la prima volta che Boko Haram si serve di donne per i suoi attentati suicidi: il 28 dicembre 2015 in un mercato a Madagali in Nigeria, kamikaze donne provocarono una potente esplosione che portò alla morte di 30 persone.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*