Chi è Malala Yousafzai, vincitrice del premio Nobel per la pace 2014 COMMENTA  

Chi è Malala Yousafzai, vincitrice del premio Nobel per la pace 2014 COMMENTA  

Malala Yousafzai è un’attivista pakistana, studentessa e vincitrice del premio Nobel per la pace nel 2014.

Malala ha diciassette anni ed è diventata famosa da quando, a 11 anni, inizia a scrivere un blog per la BBC nel quale documenta il regime dei talebani pakistani e la loro occupazione militare nel distretto dello Swat, dove lei vive. Il blog si chiama Diary of a Pakistan Schoolgirl.

A causa di questo suo impegno, dopo essere stata minacciata varie volte, la ragazza nel 2012 viene gravemente ferita da uomini armati mentre torna a casa da scuola. Viene allora trasferita nel Regno Unito, dove è curata.


Da quel momento l’impegno di Malala per l’affermazione dei diritti civili e del diritto all’istruzione delle donne pakistane diventa sempre maggiore. Il diritto allo studio delle donne infatti era stato vietato da un’ordinanza dei talebani.


La ragazza nel 2013 tiene un discorso al Palazzo di Vetro di New York nel quale lancia un appello per l’istruzione con queste parole: “Gli estremisti hanno paura dei libri e delle penne. Il potere dell’educazione li spaventa. Hanno paura delle donne. Il potere della voce delle donne li spaventa”.

Ottiene il premio Sakharov per la libertà di pensiero e viene nominata per l’International Children’s Peace Prize.

Nel 2014 ad Oslo gli viene conferito il premio Nobel per la Pace insieme all’attivista Kailash Satyarthi, che lotta contro lo sfruttamento dei minori.

L'articolo prosegue subito dopo


“Una ragazza e un uomo più anziano, una musulmana e un hindù, entrambi simbolo di ciò di cui il mondo ha bisogno” ha detto il presidente del comitato per il Nobel, Thorbjoern Joyland. Una grande conquista per Malala, così come per India e Pakistan, in un momento di difficoltà nelle relazioni tra i due stati. Malala ha anche rivelato che vorrebbe diventare Primo Ministro del Pakistan.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*