Come congelare i piselli freschi senza sbollentatura

Il modo migliore per conservare i piselli freschi è la sbollentatura e il congelamento. La sbollentatura consiste – nell’immergere i piselli in acqua bollente per due minuti, poi raffreddare immediatamente in acqua ghiacciata – rimuove lo sporco e batteri e conserva il sapore e nutrizione dei piselli. Se, tuttavia, ci si ritrova con un raccolto abbondante di piselli freschi e non c’è tempo per sbollentare, è possibile congelare i piselli freschi, senza sbollentatura. Si dovrebbe usare i piselli congelati entro quattro-sei settimane perchè perdono colore, sapore e nutrizione se conservati più a lungo.

Leggi anche: Come congelare i carciofi crudi



Istruzioni:

1. Sgusciare i piselli. Afferrare l’estremità dello stelo del pisello e togliere la stringa. Separare i due lati e mettere i piselli nello scolapasta.


2. Sciacquare i piselli nel colino sotto l’acqua. Asciugare.

3. Disporre i piselli secchi sulla teglia in modo che nessun pisello si tocchi. Mettere la teglia in freezer.


4. Togliere la teglia da forno, quando i piselli sono congelati. Svuotare i piselli in sacchetti. Mettere i sacchetti nel freezer. Utilizzare i piselli entro quattro-sei settimane.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

dismenorrea_ng1
Donna

Differenza fra dismenorrea primaria e dismenorrea secondaria

Per molte donne il ciclo mestruale mensile è particolarmente doloroso. E' importante capire se si tratta di dismenorrea primaria o secondaria. Circa il 25% delle donne soffre di dismenorrea, ossia di ciclo mestruale particolarmente doloroso e sindrome pre-mestruale dai sintomi altrettanto accentuati. Per queste donne il dolore associato alle mestruazioni risulta particolarmente intenso e insopportabile. La dismenorrea può essere di due tipi: primaria e secondaria. Quella primaria non è collegata ad altre patologie o disturbi di tipo ginecologico, mentre quella secondaria è caratterizzata da mestruazioni dolorose e spesso abbondanti ed è una conseguenza di altre patologie in corso. La differenza [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*