Come eliminare il cattivo odore dei piedi da una camera COMMENTA  

Come eliminare il cattivo odore dei piedi da una camera COMMENTA  

Non è infrequente, soprattutto per chi pratica sport o ha un’estrema sudorazione di piedi, di “appestare” la propria camera quando si leva le scarpe. L’odore, purtroppo è uno di quelli che va via difficilmente e può persistere anche per molto tempo dopo la rimozione delle scarpe dall’ambiente. Come fare per ripristinare l’aria fresca e profumata nell’ambiente? ecco qualche semplice ed efficace consiglio:

 

1) Quando ti levi le scarpe, esponile all’aria aperta, meglio ancora se al sole, al fine di permettere che il sudore all’interno si asciughi e si disperda eliminando il cattivo odore. Lascia comunque anche areare la stanza per qualche tempo.


2) A volte, però, lasciare le scarpe da ginnastica sotto il sole in non è abbastanza. Il bicarbonato di sodio è noto per la sua capacità di sbarazzarsi degli odori forti. Quindi, quando lavi le scarpe, aggiungi un quarto di tazza di bicarbonato di sodio al ciclo di lavaggio, assieme al tuo solito detersivo da bucato. Poi metti le tue scarpe ad asciugare all’aria aperta e gli odori spariranno.


3) Pulisci la camera con un detergente antibatterico profumato, e spruzza del deodorante per ambienti, ma evita di farlo mentre c’è cattivo odore nella stanza, o invece di coprirlo lo accentuerà. lascia aperta la finestra per qualche minuto, poi procedi con la pulizia dell’ambiente.


4) Non lasciare in camera calzini, pantofole o scarpe odorose, ma mettili subito a lavare o all’aperto, al fine di liberarti degli odori senza lasciarli fluttuare all’interno della stanza. Tieni presente che la puzza dei piedi è capace di impregnare anche i tessuti, se non viene eliminata presto.

L'articolo prosegue subito dopo


5) Avvaliti di spray anti-odore appositi per le calzature, ma spruzzali quando le scarpe sono state già esposte all’aria o lavate, altrimenti non sortiscono alcun effetto, ma rischiano di disperdere ancora di più il cattivo odore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*