Cosa fare quando si è arrabbiati o agitati COMMENTA  

Cosa fare quando si è arrabbiati o agitati COMMENTA  

La rabbia ci riguarda tutti. Gli altri automobilisti, i problemi di lavoro o l’essere truffati fanno parte della vita di tutti i giorni. In quanto tale, la rabbia come sentimento è un problema comune. Il modo in cui si gestisce la rabbia determina il modo in cui ci si lascia influenzare dagli elementi esterni. Ci sono diversi passaggi da seguire quando si è arrabbiati, al fine di evitare la possibilità di fare qualcosa di cui ci si potrebbe pentire, o lasciare che la rabbia ci consumi dall’interno. Per intraprendere uno qualsiasi di questi passaggi bisogna prima comprendere la rabbia in quanto emozione.

La rabbia come emozione

Comprendere la rabbia come emozione è il primo passo per realizzare un approccio sintetico per la gestione di questo debilitante stato di cose. La rabbia in senso comportamentale potrebbe essere definita come un’improvvisa reazione di malcontento che può comprendere l’aspettativa o le convinzioni personali. Quando si pensa alla rabbia come un problema situazionale, l’opinione e il giudizio critico si elevano in atteggiamento difensivo e sensibilità alle minacce. Essere arrabbiati d’altra parte comporta molte emozioni come delusione, risentimento e perfino ira. Agire sulla rabbia comporta l’espressione di questi sentimenti causata dai pensieri. Tali sfoghi possono danneggiare gli altri e in alcuni casi portano a casi di aggressione e omicidio, quando non si prendono provvedimenti per risolvere il problema della rabbia.


Camminare

L’esercizio fisico è di gran lunga una delle attività consigliate per sbollire la rabbia. Un esercizio fisico regolare permette al cervello di produrre più endorfine, che rappresentano una soluzione diretta per stati d’animo alterati. L’esercizio fisico non ha bisogno di essere faticoso per avere effetti positivi. L’allenamento cardiovascolare e il sollevamento pesi migliorano la capacità del corpo di gestire lo stress, il che è utile quando lo stress è uno dei fattori scatenanti della rabbia. Se si è intrappolati in una situazione in cui non si può andare in palestra e si pensa di stare per raggiungere un livello critico di rabbia, si può fare una lunga camminata fino a quando la mente abbia avuto la possibilità di esaminare gli eventi.


Distrarsi 

Le distrazioni sono abbastanza difficili da far convivere con la nostra quotidianità ma si potrebbe comunque provare ad evitare di rimanere emotivamente sconvolto. Un’attività come la lettura, che stimola la mente, o fare qualcosa di interessante che non abbia nulla a che fare con la situazione ideale, è fondamentale per ottenere una stabilità emotiva concentrandosi su qualcosa di interessante. Meglio ancora sarebbe fare dei lavori in casa che si è continuati a rimandare per provare un senso di appagamento. Aggressività e impulsi aggressivi su esseri innocenti come cani, gatti o bambini, possono facilmente verificarsi se non si ha la possibilità di incanalare la rabbia e occuparsi solo di se stessi quando si è adeguatamente preparati.


Approccio STARR

L’acronimo STARR sta per fermarsi, pensare, chiedere, ridurre la rabbia e ricompensa. Per coloro che soffrono di mancanza di capacità di gestione della rabbia, questa è una tecnica semplice da adottare.

L'articolo prosegue subito dopo

Prima di tutto bisogna sempre capire quando i livelli di rabbia sono elevati. A volte sentirsi frustrati è normale, ma la rabbia può rapidamente essere fuori controllo, se non riconosciuta. Bisognerebbe pensare alle conseguenze della rabbia e chiedersi per cosa si è arrabbiati. Ne vale davvero la pena? È importante ridurre la rabbia con ogni mezzo necessario, sia che si tratti di allontanarsi o di fare qualche esercizio di respirazione. Alla fine ci si dovrebbe premiare e cercare di riflettere su quello che ha suscitato la rabbia e su come si potrebbe evitare che la situazione si ripeta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*