Dibattito Hillary Clinton Donald Trump: duro scontro su tutti i fronti COMMENTA  

Dibattito Hillary Clinton Donald Trump: duro scontro su tutti i fronti COMMENTA  

E’ stato uno scontro su tutti i fronti il primo dibattito pubblico fra Hillary Clinton e Donald Trump. Due ore di discussione, accuse e veleno.

C’era grande attesa attorno al primo dibattito presidenziale fra Hillary Clinton e Donald Trump e i due candidati alla Casa Bianca si sono battuti fino all’ultima parola. E’ stato scontro aperto e duro su tutti i fronti, dall’economia alla sicurezza, dall’immigrazione all’Isis.


Secondo la Cnn, a vincere sarebbe stata Hillary Clinton, cui sarebbe andato il 62% delle preferenze degli intervistati. Il rivale Donald Trump non sarebbe andato oltre il 27%. Si tratta di percentuali non confrontabili con le intenzioni di voto, ma che potrebbero rappresentare la tendenza degli indecisi e di coloro che potrebbero cambiare idea. Al dibattito tv i due candidati si sono presentati quasi in parità: la media dei sondaggi (fonte il sito RealClearPolitics) assegnava un 45,9% a Hillary Clinton, in vantaggio di due soli punti rispetto a Trump (43,8%).


Istinto contro preparazione

L’avvicinamento al primo duello presidenziale è stato caratterizzato dal diverso approccio dei due candidati. Rigoroso e basato sullo studio e sulla preparazione quello di Hillary Clinton, più improvvisato e affidato all’istinto quello di Donald Trump. L’argomento non è mancato anche nel corso del dibattito. “Donald” ha detto Hillary Clinton “mi critica per essermi preparata per il dibattito. Volete sapere per cos’altro sono preparata? Per essere presidente”.

La minaccia del terrorismo

Attacco frontale di Donald Trump all’ultimo decennio circa di politica estera da parte della presidenza democratica. Secondo Trump, infatti, “se abbiamo l’Isis è colpa di Barack Obama e Hillary Clinton, che se ne sono andati dall’Iraq, abbandonandolo”.

Charlotte e la questione razziale

Impossibile tenere fuori dal dibattito i fatti di Charlotte. “Quando vedo quello che accade a Charlotte e in altri posti del nostro paese” ha affermato Trump, “dico solo che abbiamo bisogno di legalità e ordine pubblico”.

Hillary Clinton ha invece parlato più in generale di “questione razziale” definendola “una delle grandi sfide del nostro paese”. “Bisogna riformare il sistema della giustizia penale e ripristinare la fiducia tra comunità e polizia, preparando meglio gli agenti nell’uso della forza e nel rispetto della legge”, la dichiarazione di Hillary Clinton.


Esperienza politica contro novità

Lo scontro fra Donald Trump e Hillary Clinton è soprattutto uno scontro fra l’uomo nuovo della politica americana e una donna che fa politica da sempre, avendo anche ricoperto ruoli di primissimo piano, come quello di Segretario di Stato.

L'articolo prosegue subito dopo


Hillary Clinton “sa solo parlare come tutti i politici”, secondo Trump, il quale ha rincarato la dose aggiungendo che “il nostro paese è in difficoltà a causa di persone come lei”. “Donald Trump” ha invece accusato Hillary Clinton, “è una delle persone che ha messo le radici nella crisi immobiliare del 2008”.

Poi lo scambio di accuse sui temi più chiacchierati: la dichiarazione dei redditi di Trump e l’email gate di Hillary Clinton. “Renderò nota la mia dichiarazione delle tasse quando Hillary Clinton pubblicherà le sue email”, è stata la sfida di Donald Trump, che ha poi accusato in maniera aperta l’avversaria affermando che l’uso del server privato “non è stato un errore, è stato fatto di proposito”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*