Il dirottatore dell’Egyptair è l’egiziano Ibrahim Samaha: esclusa la pista terroristica COMMENTA  

Il dirottatore dell’Egyptair è l’egiziano Ibrahim Samaha: esclusa la pista terroristica COMMENTA  

egyptair

Un Airbus dell’Egyptair è stato dirottato poche ore fa da un uomo con addosso una cintura esplosiva, probabilmente di nazionalità egiziana. L’uomo ha spostato la rotta dell’aereo dirottandolo da Alessandria d’Egitto verso Larnaca (Cipro). Una volta atterrato ha fatto scendere tutti i passeggeri eccetto il personale di bordo e quattro stranieri tra i quali anche un cittadino italiano.


In realtà, secondo fonti provenienti dal ministero degli esteri egiziano non si tratterebbe di un terrorista ma ‘di un idiota’.  “La parte cipriota ha informato l’unità di crisi egiziana che non c’era esplosivo a bordo dell’aereo egiziano dirottato” si legge in una nota diffusa dal governo egiziano.

Il sito egiziano Al Ahram ha confermato anche l’indiscrezione secondo la quale il dirottatore avrebbe ‘indirizzato un messaggio di quattro pagine in arabo alla sua ex moglie’.

L’EgyptAir in un tweet ha confermato la ‘nazionalità egiziana’ del dirottatore il cui nome è Ibrahim Samaha ed ‘era seduto al posto 38 K’. Il dirottatore avrebbe anche chiesto “asilo politico a Cipro”. L’uomo, dapprima, aveva “chiesto di andare a Istanbul ma il pilota ha rifiutato” secondo quanto si apprende da una agenzia di stampa egiziana.


La Farnesina ha anche ufficializzato il fatto che tra i quattro passeggeri ancora a bordo ci sarebbe un cittadino italiano, e che la famiglia sarebbe già stata informata del fatto.

L'articolo prosegue subito dopo


Il ministero dell’aviazione civile egiziano ha anche confermato che “una fonte del ministero dell’Aviazione civile ha dichiarato che l’aereo dirottato modello Airbus 320 aveva a bordo 81 passeggeri di cui 4 olandesi, 8 americani, 2 belgi, 4 britannici, 1 italiano, 1 francese, 1 siriano come anche i membri dell’equipaggio formato da 15 persone e un membro della sicurezza”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*