Disturbo ossessivo compulsivo COMMENTA  

Disturbo ossessivo compulsivo COMMENTA  

Il disturbo ossessivo compulsivo colpisce quasi un milione di italiani, per una percentuale pari al 2-3% della popolazione e con un’incidenza massima intorno ai 15 e ai 25 anni. Il cosiddetto DOC è un disturbo mentale  ancora poco conosciuto ed estremamente invalidante, che tende a cronicizzarsi e che riduce le capacità lavorative e di contatti. Si è appena concluso secondo meeting internazionale sul disturbo ossessivo compulsivo alla Cittadella di Assisi (PG) dove sono state valutate buone possibilità di raggiungere un buon livello di qualità della vita attraverso terapie mirate. ”La deontologia – afferma Francesco Mancini, direttore della Scuola di Psicoterapia Cognitiva APC- SPC – richiede agli specialisti di offrire ai pazienti solo quei trattamenti che si sono dimostrati efficaci per la risoluzione di questo disturbo. Tutti griderebbero allo scandalo se non si usassero i protocolli evidence-based in oncologia, eppure questo è ciò che accade abitualmente in psicoterapia”.

Ad oggi, sostengono gli esperti presenti al meeting, ”le terapie cognitivo comportamentali sono quelle che si sono distinte di più per efficacia, quanto i farmaci, e in particolare rappresentano il trattamento elettivo per il DOC. Nel campo della salute mentale, invece, si assiste ormai da tempo al dilagare dell’uso degli psicofarmaci. Situazione completamente diversa in Gran Bretagna: valutati gli altissimi costi economici dei disturbi mentali non curati adeguatamente, per una perdita del Pil pari a 17 miliardi di sterline nel 2007, si è stabilito che nel servizio pubblico devono essere somministrati solo trattamenti di provata efficacia sperimentale. Sono così stati stanziati 3,7 milioni di sterline per l’avvio della formazione di 10mila psicologi in terapia cognitivo-comportamentale”.



Leggi anche

appendice
Salute

Appendice: ecco a cosa serve

Individuata da un gruppo di ricercatori della Midwestern University la funzione specifica dell'appendice, un tempo considerata mera vestigia filogenetica. Conosciuta anche come appendice vermiforme o appendice cecale, l'appendice è un prolungamento dell'intestino crasso; per la Leggi tutto
About Chiara Cichero 966 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*