Dove ha studiato il ministro Carlo Calenda COMMENTA  

Dove ha studiato il ministro Carlo Calenda COMMENTA  

carlo calenda

Carlo Calenda inaugura nuova carica politica: è il nuovo ministro dello sviluppo economico del governo Renzi.

Il ministero dello sviluppo economico Carlo Calenda non è proprio una novità per Calenda, dato che durante l’anno 2013 fu il viceministro durante il mandato di Federica Guidi.

Ma vediamo insieme dove ha studiato il ministro dello sviluppo economico.

Leggi anche: Quanto guadagna il ministro Carlo Calenda


Carlo Calenda nasce nel 1973 nella città di Roma,  dove trascorre la sua infanzia. Dopo gli studi liceali, Calenda si iscrive all’Univesità della Sapienza, uno dei centri universitari più famosi e prestigiosi di Roma. Calenda sceglie la facoltà di Giurisprudenza, dove si laurea alcuni anni dopo ad indirizzo diritto internazionale

Dopo la laurea comincia a lavorare alla Ferrari come assistente di Montezemolo. Il neo ministro inizia così la sua lunga carriera nel campo del management aziendale. Carriera che continua ad sviluppare negli anni successivi in alcune delle aziende più importanti del nostro paese.

Leggi anche: Quando è nato il ministro Calenda


Un dei momenti più importanti nella carriera di Carlo Calenda arriva nel 2013 quando diventa viceministro dello sviluppo economico, carica che però lascia lo scorso marzo per andare a Bruxelles come rappresentate permanente dell’Italia, una decisione molto controversa e polemica. Ma la svolta arriva lo scorso 10 maggio quando diviene ministro dello sviluppo economico, diventato così uno degli uomini di fiducia di Matteo Renzi.

Leggi anche

christmas-pudding
Guide

Come fare Christmas pudding: ricetta originale

In Inghilterra il Christmas pudding è un dolce tipico molto comune. Ecco la ricetta originale per realizzarne uno come la tradizione vuole. Gli Inglesi hanno l’abitudine di servire a tavola durante le festività natalizie un tipico dolce chiamato “Christmas pudding”, l’equivalente del nostro panettone, pandoro o torrone. Si tratta di una ricetta abbastanza semplice da realizzare, ma bisogna avere l’accortezza di lasciare la miscela di ingredienti in “riposo” per una notte, per dare la possibilità alla birra di amalgamarsi bene. Letteralmente “pudding” significa prugna, ma non vi è traccia di tale ingrediente nella ricetta tradizionale. Forse il termine “plum” si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*