Easy Jet: è donna il più giovane pilota al mondo

News

Easy Jet: è donna il più giovane pilota al mondo

Easy Jet: volare è donna
Easy Jet: volare è donna

Su un volo Easy Jet il pilota, capitano Kate McWilliams ha 26 anni, il copilota, Luke Elsworth solo 19. Decisamente una compagnia giovane.

Quando il capitano Kate McWilliams e il primo ufficiale Luke Elsworth hanno iniziato a pilotare un volo easyJet da Londra a Malta la scorsa settimana, sono diventati, quasi sicuramente uno degli equipaggi più giovani a livello mondiale.

La McWilliams ha 26 anni e Elsworth solo 19.

Infatti la compagnia aerea low cost crede che la McWilliams sia diventata il capitano di aerei di linea commerciali più giovane al mondo dopo aver superato il suo corso per ottenere la promozione. Non è chiaro se ci siano capitani più giovani in altre carriere, magari nelle linee regionali che sono di dimensioni inferiori.

La McWilliams dice che il suo amore per l’aviazione è iniziato quando era una ragazzina, dopo che la sua famiglia l’aveva portata a vedere il suo primo spettacolo dell’aria.

Ad un certo punto ha sperato di far parte della Royal Air Force britannica ma ha poi spostato la sua attenzione sull’aviazione commerciale.

“Sono entrata a far parte dei cadetti dell’aria quando avevo 13 anni, e lì ho potuto maturare l’esperienza di volo, ” dice la McWilliams in una dichiarazione rilasciata tramite il suo datore di lavoro. “In quel momento non immaginavo una carriera nell’aviazione commerciale, perchè non conoscevo nessun pilota di quel settore a cui potessi chiedere consigli. Non l’ho mai neppure presa in considerazione come opzione.”

Oggi il capitano McWilliams è di stanza presso la easyJet all’aeroporto Gatwick di Londra. La compagnia fa volare i jet Airbus A319 e A320.

“Mi piace essere un pilota di linea per la EasyJet e sono orgogliosa di avere raggiunto il mio obiettivo: essere un capitano.” Aggiunge la McWiliams.

Forse prevedibilmente McWilliams sa che la sua età è spesso argomento di discussione.

“Personalmente ritengo che l’età non conti” ha detto la McWilliams alla Press Association, “ho frequentato lo stesso addestramento e ho passato lo stesso corso di comando di qualsiasi altro capitano, quindi ho dimostrato di essere capace, a prescindere dalla mia età.

Mi chiedono quanti anni ho praticamente tutti i giorni, cosa che non succedeva quando ero primo ufficiale.”

“Di solito questa domanda viene posta dall’equipaggio di cabina, ma talvolta anche i passeggeri chiedono la stessa cosa”, aggiunge nei suoi commenti all’agenzia di stampa britannica. “Quando dico di avere 26 anni, la maggior parte delle persone sono piacevolmente sorprese e impressionate dei miei risultati”.

Easy Jet ha pubblicizzato i risultati della Mcwilliams lunedì mentre ha divulgato una ricerca di altre donne che desiderano volare. La compagnia sottolinea che solo il 5% dei piloti di aviolinea commerciale sono donne e dice che sta cercando di aumentare il numero dei piloti donna nelle sue file. Nella sua dichiarazione easyJet afferma che “spera che il successo di Kate e il coronamento del suo sogno possano essere di ispirazione ad altre donne che vogliono dedicarsi ad una carriera in aviazione.”

Anche la British Women Pilots’ Association (l’associazione delle donne pilota britanniche) fa eco a questo sentimento, la presidentessa dell’associazione, Julie Westhorp dice che il gruppo “si congratula con Kate per aver raggiunto il posto di comando a 26 anni e spera che il suo traguardo possa ispirare altre donne che hanno lo stesso desiderio.”

“Sia la BWPA e la easyJet sono consapevoli dell’importanza che rivestono modelli simili a questo per le ragazze e le giovani donne che fanno scelte di carriera e per incoraggiare le giovani a scegliere una carriera da pilota.” aggiunge la Westhorp “Il risultato ottenuto da Kate dimostra chiaramente alle altre donne che è possibile avere successo come pilota su una linea aerea commerciale.”

Per quanto riguarda Elsowrth, il diciannovenne copilota che ha volato su volo easyJet per Malta, la scorsa settimana, anche lui sta assumendo un ruolo rappresentativo per la sua professione.

“Voglio davvero incoraggiare molti giovani ad intraprendere questo percorso,” ha detto al Manchester Evening news, “se sei abbastanza bravo da stare qui, hai fatto il tuo addestramento e l’hai superato, allora penso che l’età non conti.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche