La storia del castello di Franklin, tra morti sospette e fantasmi

News

La storia del castello di Franklin, tra morti sospette e fantasmi

La storia del castello di Franklin, tra morti sospette e fantasmi

Dietro il castello di Franklin ci sono morti, apparizioni di spettri e pare che ancora oggi alcuni spiri infestino l’edificio. E’ uno dei castelli più tetri del mondo, e si trova in Ohio, al 4308 di Franklin Boulevard a Cleveland.

Costruito nel 1881 dallo studio Cudell & Richardson per il banchiere Hannes Tiedemann, dopo dieci anni iniziò la sua macabra storia: per prima morì una delle figlie, a quindici anni, per diabete. Poco dopo, toccò alla madre della ragazza e nel corso di pochi anni morirono altri tre figli del banchiere.

Solo il figlio August continuò a vivere in quella casa assieme alla moglie, che cadde in depressione. L’uomo, per far in modo che la donna si riprendesse, fece costruire un quarto piano adibito a sala da ballo, dove invitavano parenti e amici per dare delle feste. Nel corso degli anni ristrutturò altre parti del castello, compresi i sotterranei, dove già il patriarca Hannes aveva fatto costruire dei passaggi e della camere segrete, dove pare che il banchiere contrabbandasse alcolici e sfruttava per uccidere alcune persone, tra cui una serva e forse anche la sua stessa moglie.

Ma le morti non sono ancora finite: dopo la morte di August e del suo figlio, Hannes si risposò, ma la neo moglie aveva intenzione di ucciderlo per impossessarsi dei beni come unica erede.

Anche questa donna morì nel giro di pochi mesi. Rimasto solo, il banchiere vendette il castello a un produttore di birra, che poco prima della Grande Guerra lo vendette a sua volta al Partito Socialista Tedesco. Sia Hannes che il birraio morirono, a distanza di poche settimane. Il partito vendette il castello nel 1968 a James Romano.

Dopo nemmeno dieci anni, i Romano vendettero l’immobile, dopo aver scoperto che i loro figli giocavano tutti i giorni con dei bambini mai visti ma che, a detta di figli, vivevano nella casa. A nulla servirono i servizi di una squadra di acchiappa fantasmi e un esorcista, che scapparono letteralmente dalla casa.

Il castello passò così ai Muscatello, i quali sfruttarono le presenze per guadagnare dei soldi. Le prime riprese finirono con diversi incidenti. Muscatello, durante le riprese, cerco anche i diversi passaggi segreti di cui aveva sentito parlare, e ne trovò uno pieno di ossa umane. Fino al 1999, l’abitazione passò di proprietario in proprietario, fino a quando non arrestarono un uomo per aver dato fuoco all’edificio.

Sebbene si sia sempre dichiarato innocente, sta scontando una pena per incendio doloso. Oggi, il castello è abbandonato. Durante le varie perquisizioni della Polizia, vennero trovati i cadaveri di dodici bambini e laboratori in cui pare che Hannes faceva degli esperimenti assieme un amico dottore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche