Le 5 maschere più antiche del Carnevale di Venezia?

Guide

Le 5 maschere più antiche del Carnevale di Venezia?

Le maschere veneziane sono una tradizione che dura da secoli. Sono indossate principalmente a carnevale, festa che ha il suo culmine nel martedì grasso. Comunque, le maschere si indossavano anche per rimanere anonimi in determinate circostanze, siano queste romantiche o criminali. Le maschere sono generalmente ricercate, brillanti nei colori, e hanno decorazioni oro o argento. Alcune coprono l’intero viso, altre solo gli occhi.

XIII secolo. Il primo documento in cui si cita il carnevale di Venezia è del 1092. La prima volta in cui si parla di indossare maschere di carnevale è del 1268. La legge veneziana fa notare di uomini mascherati che lanciavano uova alle donne durante il carnevale, pratica che viene proibita. Da questa prima citazione, diversi tipi di maschere si sono sviluppate nella tradizione veneziana. Ogni maschera porta con sé varie teorie sul proprio sviluppo e il proprio stile. Tra le maschere più comuni ci sono Bauta, Moretta, Volto e Dottore Peste.

Bauta.

Questa maschera si è probabilmente sviluppata dalla tradizione di una storia “fantasma” che gli adulti raccontavano ai bambini. La maschera è bianca e copre l’intera faccia. Il costume completo comprende una mantellina o un velo nero, un mantello nero e un cappello a 3 punte. È indossata sia dalle donne che dagli uomini. La sua popolarità diminuì quando iniziò il dominio francese e austriaco su Venezia.

Moretta. All’inizio, solo le donne indossavano questa maschera. In velluto nero e di forma ovale, copre la faccia fino ai bordi esterni ed è tenuta in posizione da un pezzetto che è stato inserito tra i denti. Divenne popolare grazie alle donne che la indossavano quando visitavano i conventi, spesso è indossata con un velo. Dal XVIII secolo, sia uomini che donne indossano la maschera per nascondere la loro identità nelle case da gioco d’azzardo.

Volto. Il Volto, o Larva, era tra le maschere più comuni del carnevale.

È una semplice maschera bianca, che dà a chi la indossa l’aspetto di un fantasma. Ha forma ovale e copre l’intera faccia, con i ritagli per gli occhi ma non quello per la bocca. Visto che era così comune, è stata spesso definita come la maschera del “cittadino” perché le persone comuni, come i domestici, la indossavano durante il carnevale e altri eventi che prevedevano un travestimento.

Dottor Peste. La maschera del Dottor Peste è una maschera abbastanza moderna. Comprende un grande naso a forma di becco, aperture per gli occhi e una sciarpa sulla testa. La maschera si è sviluppata sulla base del completo indossato dal dottore che visitava le vittime della peste. Il cappello del costume mostra che chi la indossa è un medico, una maschera protegge il viso del dottore, e il grande becco contiene spezie ed erbe per purificare l’aria che il medico sta respirando.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...