Mafia: morto il collaboratore Rosario Spatola COMMENTA  

Mafia: morto il collaboratore Rosario Spatola COMMENTA  


Mafia: morto il collaboratore Rosario Spatola
Lo ha comunicato il pm Dda Francesco Del Bene in apertura del processo per l’omicidio del giornalista Mauro Rostagno

Il collaboratore di giustizia Rosario Spatola è morto.


La notizia è stata comunicata questa mattina dal pm della Dda di Palermo, Francesco Del Bene, in apertura del processo per l’omicidio del giornalista e sociologo Mauro Rostagno, assassinato a Valderice il 26 settembre 1988.


Due gli imputati: il boss di Trapani Vincenzo Virga, accusato di essere il mandante e Vito Mazzara, ritenuto il killer.

Spatola, stamani avrebbe dovuto deporre in videoconferenza, come teste, nel processo.


Originario di Campobello di Mazara, Rosario Spatola fu uno dei primi pentiti di cosa nostra.

Omonimo di un altro uomo d’onore palermitano, fu condannato dal Tribunale di Palermo per associazione mafiosa ed iniziò a collaborare con la Procura di Marsala nel 1989.

L'articolo prosegue subito dopo


Fu lui a rivelare a Paolo Borsellino i segreti delle cosche trapanesi. Con lo stesso Borsellino si era aperto un rapporto di profonda fiducia.

‘Sono rimasto orfano’, aveva dichiarato Spatola all’indomani dell’uccisione del giudice nella strage di Via D’Amelio.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*