Malpensa: sequestro di cactus

Cronaca

Malpensa: sequestro di cactus

Che Malpensa sia un aeroporto molto importante a livello nazionale ma anche europeo è risaputo e proprio per questo i controlli sono sempre vigili e attenti. Sono diverse le tipologie di beni che nel corso dell’anno vengono sequestrati dalle forze dell’ordine dell’aeroporto sito al confine della Provincia di Varese e di quella di Milano.

Probabilmente molti sono pure curiosi, come i poco più di 150 cactus estirpati in Cile e destinati illegalmente al commercio in Italia. I funzionari del Servizio Antifrode dell’Ufficio delle Dogane hanno intercettato ben venti spedizioni provenienti dal Cile.
Gli accertamenti, svolti in collaborazione con il Nucleo Cites del Corpo Forestale dello Stato di Malpensa, hanno dato come risultato che le piante erano provenienti dalla libera natura del Cile, quindi senza certificazione, senza documentazione che ne accertasse la provenienza e la tipologia, ma soprattutto mancava la tracciabilità fiscale. Le spedizioni, prive di valida documentazione, sono state dunque sottoposte a sequestro e saranno affidati in custodia giudiziale a una struttura idonea a garantire la sopravvivenza degli esemplari rinvenuti.

Il reato è la violazione della legge sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche