Michael Schumacher, due anni dopo

News

Michael Schumacher, due anni dopo

Michael Schumacher, due anni dopo
Michael Schumacher, due anni dopo

Michael Schumacher due anni dopo l’incidente sulle piste da sci ancora non è in grado di camminare o reggersi in piedi senza aiuto

Michael Schumacher non può ancora camminare o reggersi in piedi senza aiuto nonostante siano passati più di due anni e mezzo dopo l’incidente sugli sci che l’ha quasi ucciso.

Lo stato di salute dell’ex campione di Formula 1 è stato rivelato durante un processo in Germania.

La famiglia di Schumacher ha denunciato una rivista tedesca per un articolo dello scorso anno che dichiarava che il campione era in grado di camminare di nuovo.

“Non può camminare” ha detto Felix Damm, uno degli avvocati che rappresenta Schumacher, durante un’udienza al tribunale di Amburgo.

Damm ha aggiunto che il sette volte campione del mondo non è neppure in grado di reggersi in piedi senza l’aiuto dei terapisti.

Schumacher ha quasi perso la vita in seguito alla caduta, quando la sua testa ha urtato contro una roccia, mentre stava sciando con suo figlio nel dicembre 2013.

Da allora legioni di fan da tutto il mondo vanno a spulciare ogni notizia sulle sue condizioni di salute per vedere se ci sono segni di guarigione, a la sua famiglia è rimasta in silenzio e cerca di proteggere la sua privacy.

Quando la rivista tedesca Bunte ha dichiarato lo scorso anno, nel suo articolo di copertina, che stava guarendo rapidamente e che camminava di nuovo, l’eccitazione era alle stelle.

Ma la famiglia di Schumacher ha negato immediatamente la dichiarazione e ora ha querelato la rivista per una somma tra i €40,000 e i € 100.000 per violazione della privacy.

“Queste speculazioni sono del tutto irresponsabili, perché data la gravità delle sue ferite, la riservatezza è estremamente importante per Michael” ha dichiarato Sabine Kehm, manager di Schumacher, quando è stato pubblicato l’articolo.

“Sfortunatamente dà anche false speranze a tante persone”

L’udienza arriva mesi dopo che l’ex capo di Schumacher al team Ferrari aveva detto che il pilota stava rispondendo alle cure.

“Sono felice di sapere che sta reagendo”, ha dichiarato alla CNN Luca di Montezemolo, nel mese di maggio.

“So che è un uomo forte.

Sono certo che grazie alla sua determinazione, che sarà fondamentale, uscirà da questa situazione tremenda.”

Il processo continua. Il verdetto è previsto per ottobre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche