Parentopoli e l’Università pugliese: solido legame COMMENTA  

Parentopoli e l’Università pugliese: solido legame COMMENTA  

Per fortuna che c’è Striscia la Notizia! Fabio e Mingo continuano le inchieste sulle “parentopoli” che investono le università pugliesi, da anni ormai legate ad assunzioni di “sangue” e non di merito.


Dopo diversi scandali che hanno riempito le pagine dei giornali, ultimamente gli inviati di Striscia hanno incontrato Antonio De Santis direttore amministrativo dell’Università di Bari, il quale ha assunto nell’Ateneo barese una dozzina di parenti. Ma anche  l’ex rettore dell’Università di Foggia Antonio Muscio, attualmente professore di Agraria, ha dato lavoro a sette suoi parenti.


La questione delle “famiglie allargate” nell’ambito universitario in Puglia, quindi, non si ferma. Esistono veri e propri alberi genealogici come quello donato da Fabio e Mingo a Desantis e solidi legami familiari come i lucchetti attaccati ad una grata regalata a Muscio.


Chissà se provando la strada ironica del tg satirico, l’Università pugliese si stacchi poco alla volta dal cordone ombelicale della famiglia.

Di seguito ecco i parenti assunti da Muscio(ex rettore):

1 – AURELIA EROLI: moglie
2 – ROSSANA MUSCIO:figlia
3 – ALESSANDRO MUSCIO:figlio
4 – JANINE LAVERSE: nuora
5 – IVAN CINCIONE: genero
6 – PAMELA CINCIONE: sorella del genero
7 – ELIANA EROLI: nipote

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*