Primo Maggio, la festa del Lavoro che non c’è

Lavoro

Primo Maggio, la festa del Lavoro che non c’è

Eccoci qua, un altro Primo Maggio è arrivato. Almeno questo è in concomitanza con la formazione di un nuovo Governo. Sono tante le speranze e le aspettative, soprattutto da parte dei più giovani.

Il lavoro in Italia non c’è, e quando c’è è pure sottopagato. Eppure la voglia di creare, di emergere, di sfruttare la creatività e l’ingegno è fortissima negli italiani, e non solo nei giovani.

Conosco cinquantenni che hanno perso tutto e vogliono rimettersi in gioco ancora una volta, sfidando lo spettro della crisi economica e chi dice che ad una certa età si è fuori dal mondo del lavoro.

Basta luoghi comuni, basta alibi e basta sogni infranti: auguro a tutti che questo primo Maggio 2013 sia all’insegna della Rinascita!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche