Scarlattina: sintomi nei bambini

Salute

Scarlattina: sintomi nei bambini

scarlattina

Tra le malattie esantematiche, la scarlattina è la più diffusa tra i bambini. Quali sono i sintomi nei bambini? Come riconoscerli e come correre ai ripari?

Tra le malattie esantematiche più diffuse tra i bambini, la scarlattina è una malattia di origine batterica. Questo la rende diversa dalle altre malattie infettive che sono virali. Per curarla quindi i medici prescrivono antibiotici e antifebbrili. Il contagio avviene tramite contatto con saliva o muco da bambini infetti o anche dalle goccioline nasali e della bocca durante tosse e starnuti. I sintomi della scarlattina non sono subito evidenti. Questo perché il batterio necessita di un periodo di incubazione che va dai 2 ai 5 giorni. Solo dopo questo lasso di tempo compaiono i sintomi della malattia. Essendo di origine batterica, il bambino che contrae la malattia è contagioso da uno a due giorni prima della manifestazione dei sintomi fino a tutta a durata della malattia. Se però si interviene con una cura antibiotica, il bambino non sarà più contagioso dalle 48 ore successive.

Vediamo ora i sintomi della scarlattina nei bambini.

La febbre alta è uno dei primi sintomi della scarlattina, insieme a brividi, mal di testa, mal di gola e faringe infiammata. Questi sintomi però non fanno pensare subito alla scarlattina. Quelli che mettono subito in allarme compiono in genere poco dopo. Il primo è una patina bianca che ricopre la lingua del bambino e che man mano diventerà rosa fragola. Tra le 12 e le 48 ore dopo la comparsa dei primi sintomi, compariranno delle eruzioni cutanee a mo’ di macchie rosse in rilievo sul corpo del bambino. Le prime macchie compaiono sull’inguine, poi colpiranno la zona delle ascelle, il collo e infine tutto il corpo. In 24 ore le eruzioni cutanee copriranno il corpo del bambino. Il viso comincerà ad assumere un colore rosso acceso, tranne le zone del naso, del mento e della bocca che rimarranno bianche. Questi sono tutti i sintomi della scarlattina nei bambini, per riconoscerla e correre subito ai ripari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

hand-351277_960_720
Salute

Come combattere le rughe con rimedi naturali

27 luglio 2017 di Maura Lugano

Sono le nemiche numero uno di ogni donna di ogni età, sono le rughe, le tanto odiate rughe, segno del tempo che passa, testimoni di una bellezza che di giorno in giorno cambia e si evolve. Le rughe, tra l’altro, iniziano ad essere il cruccio degli uomini, sempre più interessati al loro aspetto, e che talvolta attingono direttamente dalle donne i consigli per prendersi cura di sé, anche dei propri segni del tempo che passa.
La grande attrice Anna Magnani implorava i truccatori che non le coprissero nemmeno una delle rughe del viso, per lei esse erano simbolo delle esperienze belle e brutte della vita, ma oggi giorno si inizia presto a prendersi cura di questo problema, ogni donna ci tiene ad avere un aspetto giovane che le dia sicurezza, compiacimento e che susciti ammirazione.
Tante donne, soprattutto quelle che per varie ragioni vedono sul proprio viso apparire segni marcati di invecchiamento, desiderano un viso più piacevole, ma non vogliono ricorrere alla siringa o al bisturi, oppure non ne hanno la possibilità. Sono sempre più numerose quelle che cercano delle soluzioni naturali e dei prodotti naturali, in questa loro ricerca sicuramente possono trovare un aiuto e anche una soluzione.