Si ribella al conformismo vivendo con una famiglia di manichini COMMENTA  

Si ribella al conformismo vivendo con una famiglia di manichini COMMENTA  

Una donna single si schiera contro l’idea classica di famiglia e si è adottata in casa dei manichini

Potrebbe sembrare una single un po’ folle e invece il suo gesto segue il suo pensiero. Suzanne Heintz convive da 14 anni con una famiglia di manichini in casa, che tratta proprio come se fossero parte reale della sua vita. Questo è quello che vuole condividere con le persone ed infatti scatta puntualmente foto di questi quadretti familiari e le posta sui social per mostrare la loro felicità. Suzanne ha raccontato quando ha iniziato questa nuova vita, sua madre insisteva molto sul fatto che lei dovesse sbrigarsi a creare una famiglia e lei ha pensato: “Non è che uno può uscire e comprarsi una famiglia ed è fatto tutto” così, quando poi è uscita di casa, ha notato dei manichini in un negozio e le è venuta questa idea.

Leggi anche: Quali sono migliori locali Speed Date Piacenza


La ragazza ha raccontato: “E’ difficile spiegare perché lo faccio. Sostanzialmente è perché mi ero stufata di dover rispondere a domande del tipo ‘perché non ti sposi?’ o ‘quand’è che avrai dei figli?’ Il messaggio di Suzanne è chiaro, non vuole essere schiava di un’idea costruita di quello che deve o non deve essere la famiglia.

Leggi anche: Come festeggiare San Valentino alternativo a Roma

Oggi la Heintz è single ma questo non significa che non avrà più un compagno, l’unica cosa su cui è sicura è che non si sposerà.

Leggi anche

alecsandra-puflea-2
News

Ragazza cacciata dall’hotel perché scambiata per una prostituta

Episodio di razzismo denunciato a Ferensway, nel Regno Unito. Una ragazza rumena, Alecsandra Puflea, 22 anni, studentessa di Criminologia all'Università di Hull, si è vista rifiutare la camera di un hotel, l’Holiday Inn Express, che aveva prenotato online, perché scambiata per una prostituta. Era insieme al suo fidanzato. Dopo aver visto la sua carta d'identità, l'addetto alla reception l'ha mandata via, dicendo che l’albergo non accettava clienti rumeni - neanche il fatto chela studentessa abbia mostrato la sua patente britannica, è servito - . Poi la struttura si è scusata, dicendo di aver stabilito “quella” regola perché alcune ragazze provenienti dalla Romania erano state scoperte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*