Siria: secondo giorno per la Lega Araba e il regime rilascia 755 detenuti COMMENTA  

Siria: secondo giorno per la Lega Araba e il regime rilascia 755 detenuti COMMENTA  


Siria: secondo giorno per la Lega Araba e il regime rilascia 755 detenuti
L’annuncio è della tv di Stato. E le Ong denunciano: ‘La settimana scorsa le truppe governative hanno ucciso centinaia di persone’

Il governo di Damasco ha ordinato il rilascio di 755 persone imprigionate nel corso delle proteste contro il presidente Bashar al-Assad. Lo ha comunicato la tv di regime. ‘Le autorità siriane hanno rilasciato 755 detenuti le cui mani non si erano macchiate del sangue siriano’, ha riferito l’emittente. La scarcerazione avviene al secondo giorno di lavoro della missione degli osservatori arabi in Siria. 

LE ONG DENUNCIANO – Il primo team di osservatori della Lega araba era arrivato in Siria lunedì sera con lo scopo di monitorare l’applicazione da parte del governo di Damasco del piano siglato dal regime con l’organizzazione il 19 dicembre per porre fine allo spargimento del sangue.

Leggi anche: Siria: forze Damasco avanzano verso Palmira. Continuano i combattimenti


Da allora il governo ha rafforzato il giro di vite contro l’opposizione. La settimana scorsa le truppe governative hanno ucciso centinaia di persone. Secondo le Nazioni unite sono più di 5mila persone hanno perso la vita dall’inizio delle violenze a metà marzo.

Leggi anche: Siria, Damasco accetta il cessate il fuoco


Secondo le denunce delle organizzazioni umanitarie la Siria nei giorni scorsi avrebbe tentato di camuffare i crimini. In previsione dell’arrivo degli osservatori della Lega Araba, il regime siriano avrebbe trasferito in siti militari off-limits centinaia di detenuti, secondo quanto riportato da Human Rights Watch, che accusa Damasco di voler ingannare il team incaricato di monitorare la situazione nel Paese.


Un ufficiale della sicurezza a Homs ha rivelato alla ong che tra il 21 e il 22 dicembre ‘dai 400 ai 600 detenuti sono stati spostati verso altri luoghi di detenzione’ ai quali gli osservatori non hanno accesso. ‘Alcuni sono stati traferiti a bordo di jeep civili, altri in furgoni.

L'articolo prosegue subito dopo


Il mio incarico consisteva nel raccogliere i detenuti, dentro la prigione, e sistemarli sui veicoli’, ha affermato l’ufficiale. Secondo altri colleghi, con cui l’ufficiale è entrato in contatto, i prigionieri sarebbero stati portati in un centro per la fabbricazione di missili a Zaidal, appena fuori Homs.

La testimonianza, ha affermato Human Rights Watch, è stata confermata dal racconto di alcuni testimoni, tra cui un detenuto. L’ong ha chiesto quindi alla Lega Araba di esigere ‘il pieno accesso a tutti i siti utilizzati per la detenzione, in base all’accordo’ sottoscritto dal governo siriano.

Leggi anche

Gabriella Fabbiano: trovata morta nella cava legata e imballata
Cronaca

Gabriella Fabbiano: trovata morta nella cava legata e imballata

Gli inquirenti stanno indagando sulla morte di Gabriella Fabbiano. La donna di  43 anni strangolata e poi  gettata in una cava di Cernusco sul Naviglio, a pochissimi  km da casa sua.    Il suo assassino potrebbe essere stato accecato dalla gelosia, anche se gli inquirenti non escludono altre piste. L'autopsia, è stata effettuata questa mattina alle 8, ed avrà sicuramente rivelato le reali cause della morte di Gabriella Fabbiano. Le indagini sono portate avanti dai carabinieri della compagnia di Cassano d'Adda insieme con il Nucleo investigativo di Monza, sono però coordinati  dai pm Alberto Nobili e Francesco Cajani. Pare che Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Siria: secondo giorno per la Lega Araba e il regime rilascia 755 detenuti - Allnewz.it | Allnewz.it

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*