Strage Charlie Hebdo, due sospettati localizzati in Picardia COMMENTA  

Strage Charlie Hebdo, due sospettati localizzati in Picardia COMMENTA  

054513342-bac043ae-036c-40b6-8dda-a5364632ce91

Si trovavano a bordo di un’auto con targa nascosta in Picardia, a circa 85 chilometri a nordest di Parigi. Due dei tre sospettati killer per l’attacco al giornale satirico parigino Charlie Hebdo sono stati intercettati stamattina mentre viaggiavano armati alla volta di Parigi. Il più giovane dei tre ricercati, il diciottenne Amid Mourad, si è invece recato presso la stazione di polizia di Charleville-Mezieres, ubicata al confine con il Belgio, presentando agli agenti un alibi di ferro: alle 11.30, il giorno dell’attentato, il giovane si trovava a scuola.

Leggi anche: Charlie Hebdo terremoto: vignette criticate da sindaco Pirozzi

La circostanza è stata confermata proprio da un compagno di classe del ragazzo: il terzo ricercato per il massacro compiuto alla redazione potrebbe quindi essere un omonimo. I due killer sono stati identificati: si tratta dei fratelli franco-algerini Sarid e Cherif Kouachi rispettivamente di 32 e 34 anni, scappati dalla guerra in Siria e giunti in Francia quest’estate.

Leggi anche: Assessore PD su Charlie Hebdo: l’ISIS ha fatto bene e ha ragione

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*