Ucraina – Irlanda del Nord: le probabili formazioni

News

Ucraina – Irlanda del Nord: le probabili formazioni

Le probabili formazioni di Ucraina – Irlanda del Nord saranno molto delicate poiché chi perderà, sarà necessariamente fuori dal torneo: sconfitte da Germania e Polonia, oggi assisteremo ad una vera e propria battaglia tra le due squadre. Anche un pareggio potrebbe essere fatale, quindi non sarà più possibile giocare secondo tattica, ma seguendo soprattutto l’istinto e la voglia di fare goal. O’Neill ha già chiesto ai suoi di spingere e di attaccare con tutta la forza “a costo di essere brutti”. Una frase che non lascia tanti dubbi: giocare per vincere. L’Irlanda del Nord scenderà in campo secondo un modulo di gioco molto rinforzato a centrocampo, e si affiderà ancora una volta a Lafferty come unica punta. Ma vediamo nel dettaglio la formazione plausibile:

(3-5-1-1): McGovern; J. Evans, McAuley, Cathcart; Dallas, Norwood, Baird, Baird, McNayr; Ward; Lafferty.

Dall’altra parte l’Ucraina di Andry Shevchenko (collaboratore tecnico di Fomenko) spera in un miracolo.

La selezione non ha brillato nella sfida contro la Germania e in questo match dovrà essere disposta a giocarsi tutto. Per fare questo l’Ucraina punterà sulle due punte: Zozulya farà da perno centrale, alle sue spalle i centrocampisti Yarmolenko, Kovalenko e Konoplyanka, reduce dall’ottima stagione con la maglia del Siviglia, e ancora più in avanti ci sarà la punta pura Selenyov. Grande attenzione dunque anche alla Germania – Polonia, una sfida tra big che potrebbe mostrare grandi sconvolgimenti nel girone. Una cosa è certa: la sconfitta equivarrà ad una condanna certa. Vedremo in campo chi riuscirà a trasmettere cuore, passione e lottare fino all’ultimo.
Vediamo nel dettaglio la probabile formazione dell’Ucraina:

(4-4-2): Pyatov; Fedetsky, Khacheridi, Rakitsky, Shevchuk; Yarmolenko, Kovalenko, Stepanenko, Konoplyanka; Zozulya, Selenyov. All. Fomenko.

Il campo premierà non soltanto la più combattiva ma anche quella che riuscirà a trasformare le azioni di gioco in goal: pena, la fine dell’Albania.

Presente in campo con molte incursioni e tuttavia mai trasformate in goal, ha ceduto ad una Francia ancora una volta poco esaltante.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche