Sentenza corte Usa: no alle armi nei luoghi pubblici COMMENTA  

Sentenza corte Usa: no alle armi nei luoghi pubblici COMMENTA  

Niente armi nascoste nei luoghi pubblici, secondo emendamento o meno.

La Corte Federale di San Francisco (California) si è espressa in modo chiaro e inequivocabile. Il secondo emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti d’America garantisce sì ad ogni americano il diritto di possedere armi da fuoco, ma non giustifica in alcun modo il fatto di portarle in luoghi pubblici tenendole nascoste.

Leggi anche: Obama scavalca il Congresso e dice stop alle armi


Per la più potente associazione americana a sostegno del possesso delle armi, la Nra, “questa decisione lascerà le brave persone senza difesa”, ma la Corte Federale non ha avuto dubbi.

Leggi anche: Bimba di 3 anni trova una pistola e muore

Citando infatti una legge dello stato della California, i giudici si sono espressi dicendo che chiunque porti un’arma da fuoco è tenuto a mostrarne il possesso, mentre solo in casi di “giusta causa” risulta possibile tenerla nascosta.

Di fatto, si tratta di una vittoria dell’amministrazione dell’attuale presidente Barack Obama, che in più occasioni ha dichiarato di essere intenzionato a riformare la legislazione Usa in materia di possesso di armi.

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*