×

23enne allergico alle arachidi morto dopo aver mangiato una pizza

James Atkinson, 23 anni, era gravemente allergico alle arachidi. Ha perso la vita dopo aver mangiato una pizza.

James Atkinson

James Atkinson, 23 anni, era gravemente allergico alle arachidi. Non aveva idea che la pizzeria dove ordinava da asporto da sempre aveva iniziato ad usare polvere di arachidi ed è morto dopo aver mangiato una pizza. 

23enne allergico alle arachidi morto dopo aver mangiato una pizza

James Atkinson, 23 anni, era uno studente universitario, descritto come “frizzante e brillante“. Soffriva di una grave allergia alle arachidi e purtroppo è morto dopo aver mangiato una pizza ordinata tramite Deliveroo da “Dadyal Pizza” a Newcastle, nel Regno Unito. Aveva già ordinato pizza in questo locale, ma non sapeva che avessero iniziato ad usare polvere di arachidi negli ingredienti. Stuart Atkinson, 59 anni, e Jill, 58 anni, genitori di James, vogliono scoprire “se ci sono lezioni da imparare” dall’inchiesta che si aprirà il 10 maggio presso la Corte di Newcastle, nel giorno in cui James avrebbe compiuto 26 anni.

Sperano che si parli dell’efficacia delle informazioni sugli allergeni forniti da Deliveroo, evidenziando che i dettagli si potrebbero chiarire con una semplice casella di spunta nel modulo d’ordine. 

L’inchiesta

L’inchiesta arriva a due anni di distanza da quando James ha subito uno shock anafilattico dopo aver ordinato una pizza con i coinquilini, il 10 luglio 2020. Sono bastati solo due bocconi per far gonfiare le sue labbra e la sua gola.

Ha chiamato il 999 e i paramedici gli hanno somministrato adrenalina nella gamba, ma il 23enne ha perso i sensi ed è finito in arresto cardiaco. Lo hanno portato alla Royal Victoria Infirmary di Newcastle ma poco dopo è stato dichiarato morto. James sapeva di essere allergico alle arachidi da quando era un adolescente ed era stato “sempre molto attento” nel controllare gli ingredienti, come hanno spiegato i genitori. Gulfam Ulhaq, proprietario di Dadyal Pizza, è rimasto sotto choc dopo essere stato informato della morte del ragazzo.

Il locale è rimasto aperto fino alla chiusura definitiva del mese scorso. Gli Atkinson chiedono giustizia per James e hanno lanciato un appello di crowdfunding per raccogliere 10.000 sterline per un avvocato. 

Contents.media
Ultima ora