Abuso droga sintetica: allarme in USA
Esteri

Abuso droga sintetica: allarme in USA

Droga sintetica K2
Droga sintetica

La polizia di New York (USA) lancia un allarme per l'abuso di una pericolosa droga sintetica nota come K2 che crea un effetto "zombie".

A New York, negli USA, cresce il timore per l’abuso di una pericolosa droga sintetica. In particolare, l’allarme è scattato nel quartiere di Brooklyn, dove sta girando un lotto di marijuana sintetica nota come K2 che ha già causato 49 overdose solo nell’ultimo fine settimana. Il timore però è che la droga si possa diffondere rapidamente anche in altre aeree della città, perché si acquista prevalentemente su internet. Non è quindi esclusa la possibilità che il K2 travalichi anche i confini americani.

La droga sintetica che ti rende zombie

In questi giorni il Dipartimento di Polizia di New York sta avvertendo i residenti di Brooklyn che sta circolando una droga sintetica particolarmente pericolosa. Si tratta della marijuana sintetica nota come K2, ma di un lotto “particolarmente tossico” come avvertono le autorità americane. Da venerdì 18 maggio, infatti, ci sono stati già 49 casi di overdose di K2, tutti nel quartiere di Brooklyn.

“Il K2 è una droga pericolosa e mortale, ma questo lotto è particolarmente minaccioso.

I residenti sono invitati a chiamare immediatamente il 911 se vedono qualcuno mostrare sintomi di overdose” spiega ai media locali Terence Monahan, a capo del Dipartimento di polizia di New York. Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, le persone che fumano cannabis sintetica possono accusare diversi tipi di malori, tra cui vomito, agitazione, confusione, allucinazioni. Inoltre, di norma, la droga sintetica aumenta velocemente la frequenza dei battiti del cuore.

La marijuana K2 che sta però circolando in questi giorni nella Grande Mela può portare anche ad altri sintomi quali aggressività e psicosi. Inoltre, i ragazzi soccorsi perché in overdose di tale droga sintetica sembravano “come zombi” perché barcollavano e non riuscivano a reggersi in piedi. Ulteriore pericolo il fatto che la marijuana K2 può causare anche una forte dipendenza.

I casi di overdose di marijuana K2

Secondo il Dipartimento di Salute di New York, dal 2015 si contano già 6mila ricoveri nella Grande Mela a causa della marijuana sintetica.

Nel 2016 ci sono stati invece 33 ricoverati per abuso di tale droga, numero già ampiamente superato quest’anno visto che solo nell’ultimo weekend sono stati soccorsi 49 giovani per overdose di K2.

Negli USA l’allarme è alto perché c’è il rischio di un’ampia diffusione di tale droga sintetica, visto che si può trovare ad appena 5 dollari. Il K2 però si vende prevalentemente su internet, e ciò rischia di allargare a dismisura la platea dei possibili consumatori, molti dei quali totalmente ignari della pericolosità di tale marijuana. Oltre a provocare una forte dipendenza, il K2 può causare infatti anche la morte. Dal 2015 sono finora due quelle accertate.

Che cos’è la marijuana sintetica

Il K2 è una droga prodotta dall’uomo cospargendo sulle foglie essiccate o affumicate della pianta di marijuana vari composti chimici. Spesso la marijuana sintetica è venduta confezionata, in un pacchetto di alluminio. Il K2 può essere consumata inalando la sostanza, anche attraverso una normale sigaretta elettronica.

Nel 2016 il New England Journal of Medicine ha pubblicato uno studio in cui si evidenzia che la cannabis sintetica ha valori di THC superiori anche di 85 volte rispetto alla normale marijuana.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Paola Marras
Di origine sarda ma nata e cresciuta a Roma. Dopo la maturità classica ho studiato "Scienze politiche" all'Università La Sapienza. Scrivo quotidianamente sul web per testate e blog dal 2006, giornalista dal 2009. Mi sono sempre occupata di servizi di approfondimento e d'inchiesta, alcuni scelti come fonte di Wikipedia, di libri e testi universitari mentre altri sono stati tradotti all'estero. Autrice anche di qualche scoop. Dal 2018 lavoro a tempo pieno per Notizie.it. Progettista Web e "Tecnico Superiore per la Comunicazione e il Multimedia", ho una profonda conoscenza del mondo internet e per questo non sono sui social.
Contatti: Mail