> > Anna Sorokin, la truffatrice di Inventing Anna è uscita dal carcere: cosa fa...

Anna Sorokin, la truffatrice di Inventing Anna è uscita dal carcere: cosa fa ora

Anna Sorokin

Anna Sorokin, la truffatrice di Inventing Anna, è uscita dal carcere. Si trova ai domiciliari e ha il braccialetto elettronico per evitare la fuga.

Anna Sorokin, la truffatrice che ha ispirato la serie Netflix Inventing Anna, è uscita dal carcere.

Si trova ai domiciliari, con braccialetto elettronico per evitare la fuga, e organizza cene con ospiti vip a scopo di beneficenza.

Anna Sorokin, la truffatrice di Inventing Anna è uscita dal carcere: cosa fa ora

Anna Sorokin, la truffatrice che ha ispirato la serie Netflix Inventing Anna, è uscita dal carcere e si trova ai domiciliari, con braccialetto elettronico per evitare la fuga. Il suo scopo, a 31 anni, è quello di ritrovare tutto ciò che ha perso, ma questa volta in modo legale.

Scriverò un libro e farò un podcast” ha dichiarato la truffatrice più famosa d’America. Intanto, pare stia organizzando delle cene con degli ospiti vip, a scopo di beneficenza, almeno secondo quanto lei stessa ha dichiarato. 

Anna Sorokin: chi è?

Anna Sorokin si faceva chiamare Anna Delvey e aveva studiato un sistema per derubare l’elite americana. Fingeva di essere un’ereditiera con un patrimonio da 67 milioni di dollari e si faceva prestare i soldi dai ricchi newyorkesi, che poi non restituiva.

La donna è riuscita a farla franca dal 2013 al 2107, ma nel 2019 è stata scoperta e arrestata. La sua storia è diventata una serie tv e grazie ai soldi ricevuti dai diritti è riuscita a pagare tutto ciò che doveva alla legge. Il suo obiettivo è quello di “ritornare in società“. “Non posso andare da nessuno, quindi inviterò qui da me un po’ di società” ha dichiarato. La donna ha deciso di organizzare cene di alto livello nel suo appartamento da 4.200 dollari al mese al quinto piano di un palazzo dell’East Village, a New York, coinvolgendo ristoranti di lusso per il catering.

Un mix di celebrity e influencer, assieme a pezzi grossi del no profit e attivisti” ha spiegato, parlando delle persone che ha invitato.