×

Cannes: Paolo Sorrentino lancia il suo nuovo film su Berlusconi

Dopo l’Oscar con “La Grande Bellezza” e il successo con la serie tv “The Young Pope”, Paolo Sorrentino ha in mente un nuovo progetto: un film su Silvio Berlusconi. In realtà, Sorrentino sembrava aver abbandonato il progetto di Loro, il film incentrato sulla figura del leader di Forza Italia. Invece ora pare che il regista napoletano sia tornato alla carica nella realizzazione del film.

Il nuovo film di Sorrentino

Perché un film su Berlusconi? Perché sono italiano e voglio fare film sugli italiani. Berlusconi è un archetipo dell’italianità e attraverso lui puoi raccontare gli italiani” è questo il motivo che ha spinto Sorrentino a non rinunciare al progetto, la pellicola avrà come protagonista Toni Servillo, suo affezionato interprete e protagonista di quasi tutti i film del regista.

Dopo “Il Divo” in cui raccontava la vita di Giulio Andreotti, adesso è il turno del leader di Forza Italia.

Sorrentino si dichiara affascinato dall’idea di poter raccontare il “potere”: “Il tema del potere è dappertutto, è una delle tentazioni più forti del genere umano. Mi viene da sorridere quando sento dire “Non siamo governati bene”: ci vuole saldezza morale per comandare. Che inevitabilmente si erode, il potere prevede spesso l’abuso. È un tema che mi affascina anche quando parlano il carabiniere e il netturbino”. Il regista ha continuato dicendo che “L’uomo di potere è per definizione misterioso, la gestione del potere lo è. Sono deputati a prendere le alte cariche uomini inafferrabili, i prevedibili al potere non ci arrivano“.

La prima rinuncia

Nel corso di un precedente intervista, Sorrentino aveva infatti dichiarato: “Per adesso non ho un progetto preciso per un film da girare il prossimo anno.

Ho pensato di scrivere una sceneggiatura per un lavoro su Berlusconi, ma è una storia complessa, non sempre si riescono a fare i film che si vorrebbe. Le ragioni dello stop alla produzione di Loro sarebbero da imputare dunque a una generale difficoltà di realizzazione che, secondo il Guardian, potrebbe anche essere nata dal mancato appoggio al progetto da parte della casa di produzione Medusa (di proprietà proprio di Berlusconi).

Un film su Napoli

Oltre al film su Berlusconi, il regista sarebbe affascinato nel fare un film che racconti la città di Napoli. “Ci penso davvero da tantissimo tempo, ma non è ancora arrivato il momento di parlarne. Napoli è una città che appartiene alle mie emozioni, la presenterò aperta al mare, racconterò la sua grande vitalità.

Roma, dove vivo, è una città più dormiente dove la gente si lascia vivere, mentre i napoletani si reinventano quotidianamente. Ogni giorno decidono che vita intraprendere e Napoli la voglio raccontare così”.

Il Festival di Cannes

Presente tra la giuria del 70esimo Festival di Cannes, Sorrentino a proposito della kermesse ha dichiarato: “Dentro la giuria le relazioni sono fantastiche, c’è un grande rispetto reciproco, abbiamo tutti noi personalità molto forti, ma anche un grande senso di democrazia. Almodovar (presidente della giuria), che prende molto sul serio il destino dei film e dei registi che li hanno realizzati, richiede attenzione ai giurati, ci invita ad essere responsabili e attenti e franchi nei confronti dei film che stiamo vedendo”. Secondo il cineasta, è “meno stressante essere un membro della giuria che venire a presentare un film a Cannes dove sei esposto in prima persona. E poi si lavora in gruppo e questo corrisponde molto alla mia personalità. Ho l’impressione di capire meglio questo frenetico festival”

Scrivi un commento

300
Caricamento...

Leggi anche