×

Capelli: a cosa serve il balsamo

default featured image 3 1200x900 768x576

capelli sani e belli con il miele 256x300Avete provato a lavare i capelli senza procedere ad un ultima passata di balsamo sulle punte? Nella maggior parte dei casi risulta difficile anche solo pettinarli, a causa della presenza di nodi e doppie punte sfibrate.

Lo shampoo, infatti, soprattutto se frequente, tende a seccare la capigliatura. Il balsamo serve principalmente a districare i capelli bagnati e prepararli all’asciugatura, specie se sono lunghi.

I principi attivi contenuti in questo prodotto servono a restituire equilibrio alla fibra capillare, ricompattando il rivestimento dei capelli, in modo da assicurargli lucentezza e morbidezza. Il balsamo risulta arricchito con oli vegetali, latte di palma, agenti restitutivi, proteine vegetali (come quelle del grano).

A questi in genere si aggiungono estratti di lino e di gingko. Il balsamo è un alleato prezioso per la bellezza della chioma, perché è dotato di un invisibile film che protegge dalle aggressioni esterne: vento, sole, cloro di piscina.

Si può scegliere il balsamo a seconda delle proprie esigenze: alcune tipologie sono adatte per capelli rovinati e sfibrati, altre sono più indicate per proteggere più a lungo il colore. In commercio esistono anche i balsami a spray, più pratici degli altri perché non c’è bisogno del risciacquo: si vaporizzano uniformemente sulla capigliatura e restituiscono in un attimo bellezza e morbidezza ai capelli.

Il balsamo a spray è adatto anche ai capelli grassi, che tendono ad appesantirsi facilmente. Se siete in vacanza e non potete dedicare troppo tempo alla piega, applicando il balsamo sulle punte faciliterete l’asciugatura eliminando anche l’antiestetico “effetto crespo”. Quindi non dimenticate di aggiungerlo in valigia insieme agli altri prodotti!

Contents.media
Ultima ora