Cosa fare in caso di terremoto
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Cosa fare in caso di terremoto
Cronaca

Cosa fare in caso di terremoto

terremoto cosa fare

In caso di terremoto è stato diramato una sorta di vademecum da seguire per capire come comportarsi e come agire. Vediamo di cosa si tratta.

In caso di terremoto, è stato diramato una sorta di vademecum da parte della Protezione Civile da seguire per capire come comportarsi e come agire. Vediamo di cosa si tratta. Ti consigliamo una serie di cose da fare durante e dopo il terremoto in modo da sapere come comportarti e cosa fare.

Come prepararsi ad un terremoto

Energia elettrica, acqua, gas e telefono potrebbero non funzionare dopo un terremoto. Si dovrebbe essere pronti a badare a sè stessi per almeno tre giorni, preferibilmente per una settimana. Avrete bisogno di cibo e acqua; un kit di pronto soccorso; un estintore adatto a tutti i tipi di incendio; torce elettriche; una radio portatile; batterie, coperte, vestiti, scarpe e denaro (bancomat potrebbero non funzionare); farmaci; una chiave inglese o tubo per spegnere il gas o acqua, se necessario; alimenti per animali domestici; una fonte di cottura alternativo (barbecue o fornello da campo). Questo elenco può essere applicato anche ad altri disastri, come alluvioni o incendi.

E’anche una buona idea decidere in anticipo come e dove la famiglia si riunirà se separati durante un terremoto. Assicurare una protezione a scaldabagni e grandi elettrodomestici per impedire loro di ribaltarsi. E’ consigliabile evitare di tenere vicino al letto mobili pesanti e che potrebbero cadere, fissando librerie, scaffali, librerie e mobili alti alle pareti e mettendo gli oggetti più pesanti sui ripiani bassi delle scaffalature. Discutere di assicurazione terremoto con il vostro agente. A seconda della situazione finanziaria e il valore della vostra casa, può essere utile.

Durante un terremoto

Se siete in casa, rimanete lì. Stare sotto la scrivania o un tavolo o in piedi contro una parete portante, sotto a una trave o a un vano di una porta, evitando di usare le scale perchè spesso, essendo poco resistenti, potrebbero danneggiarsi. La cucina è un luogo particolarmente pericoloso. Se siete in un edificio per uffici, stare lontano dalle finestre e dai muri esterni e non usare l’ascensore.

Se siete fuori, allontanatevi da edifici, lampioni, alberi o linee elettriche. Se siete in auto, spostate la macchina fuori dal traffico e mettervi in sosta. Evitare di parcheggiare sotto ponti o cavalcavia.
Se siete in una zona montuosa, fate attenzione al pericolo di frane. Allo stesso modo, se sei vicino al mare, essere consapevoli del fatto che gli tsunami sono associati a grandi terremoti. Se ti trovi in un luogo pubblico affollato, evitare di farsi prendere dal panico e non correre verso l’uscita. Coprirsi la testa e il collo con le mani e le braccia.

Dopo un terremoto

Verificare la presenza di incendio che potrebbe essere stato innescato da una fuga di gas. Se si sente odore di gas, chiudere il rubinetto principale. Se ci sono prove di danni al cablaggio elettrico, interrompere l’alimentazione alla scatola di controllo. Se il telefono è in funzione, utilizzare solo in caso di emergenza. Allo stesso modo, evitare di guidare se possibile. Essere consapevoli del fatto che gli oggetti possono cadere di armadi o ripostigli anche a terremoto terminato. Verificare la presenza di crepe e danni al tetto e il fondamento della vostra casa. Ascoltare la radio per le informazioni e le istruzioni importanti. Ricorda che scosse di assestamento, a volte abbastanza grandi da causare danni, in generale seguono grandi terremoti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Simona Bernini 10472 Articoli
Amo leggere, il tè e Parigi è la mia casa da sempre e per sempre.