> > Covid, il presidente Mattarella: "Vittime monito permanente"

Covid, il presidente Mattarella: "Vittime monito permanente"

Covid, Mattarella: "Vittime monito permanente"

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha parlato a Bergamo davanti ai sindaci italiani, ricordando le varie tappe della pandemia

Non dimenticare è l’imperativo lanciato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella davanti ai sindaci italiani riuniti a Bergamo, città tra le più bersagliate dal Covid a inizio pandemia.

Le parole di Mattarella

Il Presidente ha voluto fermamente alzare la guardia dell’Italia riguardo alla situazione Covid, riportando la mente i ricordi drammatici del 2020: “Resteranno scolpite nelle nostre menti le terribili immagini dei camion militari che portano via i feretri di tante persone morte a causa del virus, persone che in molti casi ci hanno lasciato senza il saluto dei familiari, senza una preghiera al loro funerale. Non le dimenticheremo.

Rappresentano un monito permanente”.

Il Presidente della Repubblica: “Siamo stati bravi a fare squadra”

Stringersi a pugno è stata una delle soluzioni per riportare l’Italia a respirare dopo l’incubo Covid, Mattarella ha voluto ricordare così quanto siano stati importanti gli sforzi profusi: “Stato, Regioni, Comuni, Province, hanno saputo fare squadra durante la pandemia, affermando l’unità della Repubblica, con una mirabile capacità di ricomposizione e intesa nella conduzione dell’emergenza”.

La ricetta per il futuro

Il Presidente ha poi voluto evidenziare gli insegnamenti tratti dalla crisi pandemica e quelle consapevolezze che sembravano scontate ma che si sono rivelate ossigeno per il Paese: “Ci siamo resi conto del ruolo della scienza – ha spiegato all’Associazione Nazionale Comuni Italiani –. Abbiamo compreso che serve una sanità più attenta ai territori, servizi di cura più vicini alla persona, assistenza più aderente ai bisogni delle famiglie, soprattutto delle più svantaggiate e in difficoltà”.

LEGGI ANCHE:Giornata dell’Infanzia, Mattarella: “Tutelare l’infanzia è tutelare il futuro dell’umanità”