Neonato, danni neurologici per herpes: ok maxi risarcimento
Neonato, danni neurologici per herpes: ok maxi risarcimento
Cronaca

Neonato, danni neurologici per herpes: ok maxi risarcimento

herpes

Un neonato aveva contratto il virus dell'herpes simplex in ospedale subito dopo il parto. Il servizio sanitario inglese è stato condannato.

Una famiglia inglese è riuscita ad ottenere dallo Stato un maxi risarcimento da 42 milioni di euro. Il figlio infatti aveva contratto l’herpes simplex in ospedale dopo la nascita, ma i medici non hanno riconosciuto subito la malattia. Ciò ha causato al bambino gravi danni neurologici permanenti.

Neonato contrae l’herpes

Non si può dire che la storia sia a lieto fine ma almeno i genitori di un bambino che ha subìto danni neurologici irreparabili a causa del virus dell’herpes contratto in ospedale quando appena nato potranno curarlo ed assistelo al meglio. Il servizio sanitario inglese è stato infatti condannato a versare alla famiglia del piccolo con un maxi risarcimento, pari a 42 milioni di euro.

Stando alle cronache locale, il bambino era nato perfettamente sano. Subito dopo la nascita però il piccolo è stato male per due giorni. I medici non furono in grado subito di riconoscere la malattia, anche se presentava tutti i sintomi tipici di un’infezione da herpes simplex.

Questo ritardo nelle cure ha quindi causato danni neurologici permanenti nel bambino, che soffre di problemi visivi, cognitivi, di movimento e di comunicazione, nonché problemi comportamentali.

Quando la famiglia ha compreso che cosa era successo, ha immediatamente fatto causa all’ospedale. Dopo una lunga battaglia, finalmente la vittoria. In questi anni i genitori hanno dovuto sborsare di tasca loro i soldi necessari per la cura e l’assistenza del figlio, necessaria 24 ore su 24. Finora lo Stato infatti non sembra essersi mai fatto carico del problema. In base alla sentenza, la famiglia riceverà il maxi risarcimento che servirà per coprire le spese sanitarie necessarie al bambino.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche