Monza: spruzzato spray al peperoncino, caos in stazione | Notizie.it
Monza: spruzzato spray al peperoncino, caos in stazione
Cronaca

Monza: spruzzato spray al peperoncino, caos in stazione

Stazione di Monza

Un pomeriggio di caos nella stazione di Monza, dopo la diffusione di spray al peperoncino nel sottopassaggio. Moltissimi disagi per i passeggeri.

È stato un pomeriggio caotico quello di mercoledì 10 Ottobre, nella stazione della città lombarda di Monza. Qualcuno infatti ha spruzzato dello spray al peperoncino nel sottopassaggio della struttura. La sostanza ha causato lievi malori a numerosi dei passeggeri presenti in quel momento, quali difficoltà respiratorie e una eccessiva lacrimazione. Una giovane di 22 anni è stata addirittura portata in ospedale. Per garantire le operazioni di messa in sicurezza della stazione, il sottopasso è stato chiuso per una quarantina di minuti.

Caos nella stazione di Monza

L’allarme è scattato intorno alle 16 di mercoledì 10 Ottobre, all’altezza del binario 7, e ha gettato la stazione di Monza letteralmente nel caos. Qualcuno, non si sa chi, infatti ha spruzzato dello spray al peperoncino all’interno del sottopassaggio della struttura, causando moltissimi disagi ai passeggeri presenti in quel momento. Moltissimi infatti hanno iniziato ad accusare malori come difficoltà a respirare ed un eccesso di lacrimazione. Per una ragazza si è addirittura reso necessario il trasferimento in ospedale per effettuare accertamenti.

Molti disagi nella circolazione

Sono stati immediati comunque i soccorsi dei Vigili del Fuoco e degli operatori del 118, così come lo è stato anche l’intervento dei Carabinieri e della Polizia Ferroviaria.

Lo spiacevole episodio tuttavia non ha causato disagi solo ai passeggeri presenti, ma ha provocato inoltre anche diversi disagi alla circolazione dei treni. In via precauzionale, infatti, alcune linee sono state sospese, provocando dunque pesantissimi ritardi che si sono ripercossi anche sulle altre stazioni lombarde.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche