Sesto Fiorentino, uccide i vicini ma voleva ammazzare ancora
Sesto Fiorentino, uccide i vicini ma voleva ammazzare ancora
Cronaca

Sesto Fiorentino, uccide i vicini ma voleva ammazzare ancora

Sesto Fiorentino

Un 53enne a Sesto Fiorentino ha ucciso i vicini di casa, padre e figlio. Al momento dell'arresto ha ammesso: "Ne avrei ammazzati altri".

Fabrizio Barna mal tollerava i vicini di casa, anche se a Sesto Fiorentino ora dicono che l’uomo aveva litigato un po’ con tutti. Sarebbe questo il motivo che ha portato il 53enne a rivolgere la sua pistola Beretta 98 semiautomatica regolarmente denunciata per uso sportivo contro Salvatore e Simone Andronico, rispettivamente padre e figlio di 66 e 31 anni. Il duplice omicidio è avvenuto nella giornata di domenica 21 ottobre 2018, scoperto da un’altra vicina dopo che ha udito gli spari.

“Ne avrei ammazzati anche altri”

“Quando siamo saliti insieme ai carabinieri lui ci è venuto incontro con le mani avanti, unite. Ha detto ‘arrestatemi, sono stato io, li ho ammazzati tutti e due. Se ce n’erano altri ammazzavo anche loro‘” racconta a Il Tirreno un uomo che ha assistito all’arresto. All’origine del folle gesto il fatto che Fabrizio Barna fosse ormai furioso per i continui rumori causati dai lavori di ristrutturazione nell’appartamento dei vicini.

Le liti però avevano avuto origine molto prima, tanto che Salvatore e Simone Andronico si erano persino rivolti all’ufficio di “mediazione sociale” per segnalare le tensioni di vicinato, senza però successo.

In realtà, a Sesto Fiorentino si racconta di come Fabrizio Barna abbia fatto emergere il lato più brutto del suo carattere dopo la morte dei genitori.

Inoltre, cinque anni fa si era licenziato dal lavoro e in breve tempo avrebbe lapidato tutti i risparmi, iniziando anche a bere. L’uomo diceva spesso che avrebbe voluto cambiare vita trasferendosi alle Canarie, ma in realtà pare che non avesse nemmeno i soldi per comprare il biglietto. Una disperazione che purtroppo è sfociata in una rabbia omicida.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche