Incidente a Taranto, si stacca cestello della gru: due morti
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Incidente a Taranto, si stacca cestello della gru: due morti
Cronaca

Incidente a Taranto, si stacca cestello della gru: due morti

incidente

A Taranto due operai, padre e figlio, sono precipitati da una gru dopo la rottura del braccio che sorregge il cestello semovente.

Ennesimo incidente sul lavoro. A Taranto due operai sono infatti morti mentre stavano ristrutturando uno stabile in via Galeso nel rione Tamburi. I due lavoratori sono precipitati dal cestello semovente di una gru, dopo la rottura del braccio che solleva la piattaforma fino ad altezza piano. Inutili i tentativi di rianimazione.

Padre e figlio precipitano da una gru

Tragedia questa mattina a Taranto. Due operai di una piccola impresa edile sono infatti morti sul lavoro. I due erano intenti a ristrutturare un palazzo situato in via Galeso nel rione Tamburi. Stando alle prime ricostruzioni, sono saliti sul cestello semovente di una gru per effettuare le dovute riparazioni. All’improvviso però il braccio che solleva la piattaforma per consentire di raggiungere l’altezza del piano ha ceduto e si è rotto.

Il cestello si è quindi inclinato e i due operai sono precipitati da diversi metri di altezza. Nonostante il pronto intervento dei medici del 118, per i due lavoratori non c’è stato niente da fare.

Le loro condizioni sono apparse subito gravissime ed i sanitari, dopo qualche tentativo di rianimazione, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso di entrambi.

Sul posto sono giunte poi le forze dell’ordine e il personale dello Spesal, il Servizio per la prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro. Da accertare infatti se gli operai caduti dal cestello fossero imbragati con la cintura di sicurezza. Gli inquirenti molto probabilmente chiederanno inoltre una perizia tecnica per verificare le condizioni del mezzo e comprendere quali manovre siano state eseguite prima del mortale incidente.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche