Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Agerola, neonato di due mesi muore nel sonno
Cronaca

Agerola, neonato di due mesi muore nel sonno

Un neonato di due mesi è stato trovato morto nel sonno dai genitori, a nulla sono serviti i tentativi di soccorso del 118.

Una terribile tragedia è accaduta nella notte di giovedì 13 dicembre ad Agerola, piccolo comune sulla costiera amalfitana. un neonato di due mesi è morto nel sonno nella piccola cittadina. Nonostante l’intervento tempestivo dei volontari del 118 e dei medici e degli infermieri dell’auto medica non c’è stato nulla da fare. Sul posto infatti tutto ciò che è stato possibile fare è stato dichiarare il decesso.
I due giovani genitori sono sconvolti dall’accaduto, stanno ancora valutare se sporgere denuncia per procedere con la autopsia. Non si esclude che possa essere stata una “morte in culla” un fenomeno che purtroppo non è ancora stato spiegato dalla comunità scientifica.

L’intervento del 118

Introno alle 3 del mattino la telefonata proveniente dal piccolo comune di Monte Lattari ha allertato la centrale del 118 di Napoli. I due genitori del piccolo dopo aver chiamato hanno visto le condizioni del figlio peggiorare rapidamente ed ancora prima che arrivassero i soccorsi sembra oramai che per il piccolo non ci fosse più nulla da fare.

Tutta la cittadina appresa la notizia si è stretta intorno ai due giovani genitori che ancora in stato di shock stanno decidendo come procedere.

Stando a quanto detto dai medici il caso può essere riconducibile alla sindrome della morte improvvisa del lattante. Una patologia non ancora spiegata dalla comunità scientifica ma che colpisce alcuni bambini in apparenza sani che in pochissimi minuti peggiorano, fino ad arrivare alla morte. I genitori non hanno ancora deciso come affrontare la situazione, potrebbero infatti sporgere una denuncia verso ignoti. Chiedendo che sul corpo del piccolo venga fatta una autopsia.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche