Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Vittoria (RG), incidente mortale: 17enne si schianta contro un palo
Cronaca

Vittoria (RG), incidente mortale: 17enne si schianta contro un palo

15enne incidente mortale

Il 15enne di Vittoria Valerio Cafiso è morto schiantandosi contro un palo mentre guidava il suo scooter sulla strada provinciale 17, in Sicilia.

Ennesima tragedia sulla strada. Domenica 17 Febbraio 2019, verso le 19:45, un 17enne di Vittoria, paese in provincia di Ragusa in Sicilia, ha perso la vita schiantandosi contro un palo della pubblica illuminazione mentre viaggiava da solo in sella al suo scooter sulla strada provinciale 17 Vittoria-Scoglitti. Il tratto è già tristemente noto perchè teatro di altri incidenti mortali nel corso degli ultimi anni.

Nonostante i soccorsi del 118 siano giunti immediatamente sul luogo dell’incidente, tempestivamente chiamati dagli autisti che passavano vicino al luogo dell’incidente, il giovane Valerio Cafiso, è deceduto sul colpo a causa dei traumi riportati in seguito al violento impatto. Le ragioni per cui il minorenne abbia perso il controllo dello scooter sono ancora da accertare.

La polizia locale ha effettuato tutti i rilievi del caso e messo sotto sequestro il mezzo come da prassi in queste situazioni. Nelle prossime settimane si avranno le idee più chiare su quanto successo in quel tragico momento.

Avrebbe compiuto 18 anni tra qualche giorno

Valerio Cafiso era nato il 4 marzo.

Era tifoso e appassionato di calcio; la sua squadra del cuore era l’Inter di cui non si perdeva una partita. Frequentava l’Istituto Fermi di Vittoria. Valerio era un ragazzo ben voluto da tutti: il suo costante sorriso e il suo impegno in tutto ciò che faceva erano riconosciuti da amici e familiari. Moltissimi i messaggi di affetto e di vicinanza alla famiglia apparsi sul suo profilo Facebook in queste ore. Lascerà un vuoto incolmabile nelle vite e nei cuori di tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo nella sua breve vita.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche