Torino, 28enne muore investita: gli organi saranno donati
Torino, la 28enne Francesca muore investita: gli organi saranno donati
Cronaca

Torino, la 28enne Francesca muore investita: gli organi saranno donati

torino investita organi

Francesca Brignardello, 28enne medico di Torino, è morta investita da un auto mentre attraversava la strada. I suoi organi saranno donati.

Amici e familiari hanno sperato per 8 giorni che Francesca Brignardello potesse aprire gli occhi e dare segnali di guarigione. Purtroppo le preghiere e l’affetto delle persone a lei care non sono bastate: Francesca è morta nell’ospedale dove era ricoverata, il Cto di Torino.

Le condizioni sono apparse subito critiche

Qualche giorno prima, esattamente il 13 febbraio 2019, la ragazza di 28 anni era stata investita da una macchina mentre era in procinto di attraversare la strada in una via del centro di Torino, corso Galileo Ferraris. Il 118 è giunto subito sul lugo dell’incidente ed ha immediatamente le condizioni critiche della giovane: un grave trauma cranico e toracico. L’impatto era stato molto violento: la ragazza, originaria di Mocalieri e appartenente ad una storica famiglia di medici, aveva sfondato il parabrezza per poi essere scagliata a quasi 20 metri di distanza.

L’autista della macchina che l’ha travolta, una Panda, si era subito fermato per chiamare i soccorsi.

I vigili urbani di Torino stanno ancora completando gli interrogatori dei testimoni della tragedia. La vettura è stata sequestrata e i rilievi affidati agli agenti della Squadra infortunistica.

Specializzanda in Medicina, donerà gli organi

Dopo essersi laureata in medicina all’Università di Torino, Francesca era medico specializzando in medicina interna presso l’ospedale San Luigi di Orbassano. Aveva deciso di dedicare la sua vita agli altri. E continuerà a mantenere questa decisione: Francesca donerà i suoi organi per permettere ad altre persone di vivere. La madre di Francesca su Facebook ha scritto: “Sei stata un dono per tutti noi, proteggici da lassù”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche