Circumvesuviana, una telecamera avrebbe ripreso la scena
Cronaca

Circumvesuviana, una telecamera avrebbe ripreso la scena

circumvesuviana

La Polizia sta esaminando i filmati delle telecamere della stazione. Sembra che la ragazza conoscesse uno degli aggressori.

Le forze dell’ordine hanno acquisito i filmati di 13 telecamere, una delle quali avrebbe ripreso le violenze. L’obiettivo era infatti proprio puntato di fronte all’ingresso dell’ascensore. Le porte non si sarebbero chiuse completamente, motivo per il quale sarebbero state riprese parzialmente anche le violenze. Ai tre presunti violentatori sono stati prelevati campioni di materiale biologico per le analisi del dna. La vittima è stata dimessa dopo le prime cure in ospedale.

Filmati fondamentali

Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza si sono rivelate fondamentali per il lavoro della Polizia. All’interno dell’ascensore non c’erano telecamere, ma una era puntata proprio di fronte alla porta di quest’ultimo. Le immagini mostrano chiaramente i quattro ragazzi entrare insieme
chiacchierando, una volta chiuse le porte, le immagini sono solo parziali. Uno degli aggressori avrebbe infatti tentato di bloccare l’ascensore ma le porte si sarebbero aperte e chiuse ripetutamente, dando così modo alla telecamera di riprendere parte della scena.

La videocamera in questione farebbe parte di un sistema di sorveglianza passiva, che non prevede, cioè, la presenza di un operatore davanti al monitor.

E’ questo il motivo per cui la violenza non è stata sventata nell’immediato. Sembra non ci fosse nemmeno un sistema di allarme in caso di guasto o
blocco dell’ascensore.

La testimonianza della vittima

Anche le parole della 25enne vittima hanno aiutato le forze dell’ordine. Sembra che la giovane conoscesse bene uno dei tre aggressori, che al momento sono stati portati in carcere con l’accusa di violenza sessuale di gruppo. I tre sono stati sottoposti a prelievi di materiale biologico per permettere gli esami del Dna. I loro cellulari sono stati posti sotto sequestro e la Polizia si sta occupando di esaminarli.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Antonella Ferrari
Classe 1995, lodigiana di nascita, grande appassionata di danza, sport e viaggi. Laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano, coltiva da sempre l’interesse per il giornalismo. Dopo aver svolto uno stage nella redazione di un quotidiano locale, da ottobre 2018 collabora con Entire Digital Publishing in qualità di redattrice per Notizie.it.