Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Napoli, si finge Shevchenko per sfuggire ad un arresto
Cronaca

Napoli, si finge Shevchenko per sfuggire ad un arresto

carabinieri

Un uomo di origine polacca si sarebbe finto Shevchenko per sfuggire alla cattura. Dovrà rispondere dell'accusa di aver fornito false generalità.

Il fantasioso protagonista della vicenda è un uomo di 40 anni, originario della Polonia ma da anni residente in un paesino della provincia di Napoli, Boscoreale. L’uomo era stato condannato agli arresti domiciliari, ma stufo della monotonia nella quale era costretto, ha deciso di evadere dalla propria
abitazione, infrangendo il divieto impostogli dalla legge. Per tentare di sfuggire nuovamente alle forze dell’ordine, il 40enne avrebbe trovato un curioso escamotage: fingersi un popolare calciatore.

Fugge dai domiciliari

L’uomo sperava di poterla fare franca dopo essersi allontanato dalla sua abitazione, quella in cui stava scontando gli arresti domiciliari. Le forze dell’ordine si sono subito messe sulle sue tracce, e dopo giorni di ricerca l’hanno finalmente intercettato. Resosi conto di essere alle strette, però, l’uomo ha deciso di tentare il tutto per tutto per sfuggire dall’imminente cattura. Avrebbe dichiarato, in evidente stato di ebbrezza, di rispondere al nome di Andrij Mykolajovyc Shevchenko, famoso calciatore del Milan e attuale allenatore della nazionale ucraina.

Arrestato dai Carabinieri

I militari, ovviamente, non sono caduti nella tranello, non credendo nemmeno per un istante a quanto stava dicendo l’uomo, che è stato poi arrestato.

Sembra quindi che il suo tentativo non solo non abbia funzionato, ma abbia addirittura peggiorato la situazione: si prevede infatti un aumento della sua condanna ai domiciliari. L’uomo dovrà poi rispondere anche dell’accusa di aver fornito false generalità ai Carabinieri. Va detto, ad onor del vero, che le forze dell’ordine hanno confermato che, tra il fuggitivo e il famoso calciatore c’era effettivamente una certa somiglianza.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche