Lecce, incidente tra due auto: morta una giovane | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Lecce, schianto frontale tra auto: morta una 25enne
Cronaca

Lecce, schianto frontale tra auto: morta una 25enne

incidente lecce malendugno

Terribile schianto nella serata di Pasquetta. Una 25enne è morta al volante della sua auto, scontratasi frontalmente con un altro veicolo.

Pare ci sia un doppio sorpasso azzardato dietro il pauroso incidente avvenuto attorno alle 21 di lunedì 22 aprile sulla via del mare a Lecce. Serena Nahi, una 25enne di Melendugno, è morta sul colpo, mentre altri giovani sono rimasti feriti. Sulla strada, che collega Malendugno a Torre dell’Orso, sono giunte 4 ambulanze, i mezzi dei vigili del fuoco e i carabinieri, che si sono occupati dei rilievi. Dalle prime informazioni raccolte dai militari, pare che entrambi i mezzi coinvolti, una Fiat Grande Punto e una Opel Corsa, si siano scontrati dopo aver tentato un sorpasso azzardato, dopo aver trascorso la giornata di Pasquetta in compagnia. Ad avere la peggio è stata la 25enne, alla guida della Fiat. Il conducente dell’altro veicolo e il passeggero sono stati trasportati in codice rosso al Vito Fazzi di Lecce, ma non sarebbero in pericolo di vita.

Intrappolata nell’abitacolo

La giovane vittima era conosciuta in zona perchè lavorava come barista e amici e familiari sono distrutti per il dolore di questa terribile fatalità.

Quando i sanitari sono giunti sul posto hanno liberato la giovane dalle lamiere della sua auto provando a rianimarla. Purtroppo ogni tentativo si è rivelato vano e per la giovane non c’è stato nulla da fare. I carabinieri sospettano ci sia stato un sorpasso azzardato, ma non ci sono notizie certe sulla dinamica dello schianto e sulle reali responsabilità. Proprio per questo motivo la Procura di Lecce ha chiesto che la salma fosse portata presso la camera mortuaria del Vito Fazzi, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

La stessa arteria stradale è già stata teatro di gravi incidenti anche in passato.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche