Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Amanda Knox in Italia: “Torno come donna libera”
Cronaca

Amanda Knox in Italia: “Torno come donna libera”

amanda knox italia

L'annuncio arriva direttamente dal suo profilo Twitter. La giovane americana sarà presente al Festival della giustizia penale a Modena.

Amanda Knox tornerà in Italia. Ad annunciarlo la stessa tramite il suo profilo Twitter: l’americana aveva lasciato il Paese all’inizio dell’ottobre 2011, dopo aver passato quattro anni nel carcere di Perugia con l’accusa – insieme a Raffaele Sollecito, di omicidio nei confronti di Meredith Kercher. Scarcerata, era poi tornata a Seattle: ora sarà presente al Festival della Giustizia Penale di Modena dove parlerà della sua esperienza.

Un’accusa durata 4 anni

Era il 6 novembre del 2007 quando Amanda Knox, insieme all’allora fidanzato Raffaele Sollecito, venne accusata di aver partecipato all’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher. La coppia, che si era sempre dichiarata estranea al delitto, fu assolta in appello dopo aver passato in cella poco meno di quattro anni. Sentenza poi annullata dalla Cassazione che, attraverso un nuovo processo di secondo grado a Firenze, condannò i due ad un’ulteriore pena. Amanda, nel frattempo tornata a Seattle, e Sollecito rimasero però liberi: il 27 marzo del 2015 la Suprema Corte mise la parola fine alla vicenda giudiziaria decidendo l’assoluzione definitiva «per non avere commesso il fatto»

Una donna libera

“Sto tornando in Italia come una donna libera”, è con queste parole che Amanda Knox ha annunciato il suo ritorno in Italia.

L’americana, insieme alla madre Edda Mellas e il fidanzato Christopher, arriverà a Milano per poi recarsi a Modena sabato 15 giugno, dove sarà protagonista dell’incontro sul “tema del processo mediatico” al Festival della Giustizia Penale. «Dialogherà con giuristi ed esperti e racconterà – ha spiegato Guido Sola, uno degli organizzatori dell’evento – come ha vissuto quel periodo sotto i riflettori. Lei per tutti era l’assassina e quando è stata assolta l’opinione pubblica ha parlato di un errore. Nessuno entrerà nel merito del procedimento, ascolteremo la sua esperienza»

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche