×

Huawei, investimento da 3,1 miliardi in Italia

"Italia e Cina, sono due Paesi che da un punto di vista economico sono allineati: l’Italia ha bisogno della Cina e la Cina dell’Italia".

La nuova via della seta inizia a prendere forma. La compagnia cinese Huawei ha annunciato di volere investire in Italia 3,1 miliardi di dollari. Non solo, il grosso investimento darà vita ad oltre 3mila posti di lavoro.

Il piano di Huawei

Secondo il piano commerciale 2019-2021, Huawei investirà 3,1 miliardi di dollari in Italia. A confermarlo il CEO dell’azienda, Thomas Miao. Di questo capitale oltre 1,2 miliardi di dollari verranno impiegati nel settore “Marketing e operazioni“. Mentre 52 milioni per la ricerca e lo sviluppo. Circa 1,9 miliardi per gli approvvigionamenti diretti di forniture. In più, l’investimento ha come scopo finale creare 3mila posti di lavoro, di cui mille diretti e 2mila indiretti nell’indotto.

Thomas Miao, nella conferenza tenuta a Milano, ha speso anche parole dolci per l’intera penisola: “Italia e Cina, sono due Paesi che da un punto di vista economico sono allineati: l’Italia ha bisogno della Cina e la Cina dell’Italia.

Da un punto di vista commerciale sono molto ottimista, i due Paesi d’ora in poi saranno sempre più vicini”.

Regole 5G

Il CEO Thomas Miao, ha proseguito il suo intervento parlando del decreto legge sul 5G: “Noi chiediamo regole trasparenti, efficienti e giuste per l’implementazione del golden power sul 5G. Le limitazioni non devono essere geografiche, questo non è giusto“. Il decreto dovrebbe essere applicato a tutti, anche ai “fornitori europei”, perché la tecnologia e l’infrastruttura dovrebbero essere neutrali, non legate a questioni di natura geopolitica.

Nato a Milano, classe 1995, è laureando in Scienze Sociali per la globalizzazione. Oltre che con Notizie.it ha collaborato con TMS.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Marco Bruto

Nato a Milano, classe 1995, è laureando in Scienze Sociali per la globalizzazione. Oltre che con Notizie.it ha collaborato con TMS.

Leggi anche