×

Manovra economica: plastic tax e aumento imposta auto aziendali

Scompaiono invece dall'ultima bozza della manovra i 100 milioni destinati alle indennità dei ministeri.

Manovra plastic tax

Iniziano ad intravedersi con maggiore chiarezza i provvedimenti che confluiranno nella manovra economica relativa al 2020: tra questi plastic tax, aumento delle imposte per alcune auto aziendali e lotteria degli scontrini.

Manovra: confermata plastic tax

I prodotti interessati dalla tassa sulla plastica saranno quelli monouso, vale a dire bottiglie, buste, tetrapak del latte e contenitori dei detersivi, per fare degli esempi. Questa ammonterà a 1000 euro per tonnellata, pari ad 1 euro al chilo. Anche il polistirolo, i tappi e le etichette saranno colpiti dalla nuova imposta, come si legge nella relazione che accompagna la manovra.

Ad essere escluse saranno invece le siringhe e i prodotti riutilizzabili, come le taniche o i contenitori per custodire oggetti.

Altro caposaldo della Finanziaria riguarderà le auto aziendali. Chi ne usufruisce continuerà a pagare il 30% se si tratta di veicoli a trazione elettrica e ibrida.

Stessa cosa vale per le vetture concesse in uso promiscuo agli addetti alla vendita di agenti e rappresentanti di commercio. L’imposta salirà invece al 60% in caso di emissioni di biossido di carbonio fino a 160 grammi per chilometro e al 100% in caso di emissioni superiori.

Spazio anche per la lotteria degli scontrini, nell’ottica di ridurre l’evasione fiscale e incentivare i pagamenti elettronici. L’Agenzia delle Entrate ha reso noto che per poter partecipare all’estrazione sarà necessario scaricare un codice dal sito e presentarlo al negoziante, che provvederà a collegarlo allo scontrino emesso.

Scompare invece dall’ultima bozza lo stanziamento di 100 milioni di euro per le indennità dei ministeri. Ad essere contrari sarebbero stati i Cinque Stelle, che avrebbero piuttosto chiesto di destinare quei fondi alle imprese per l’assunzione di giovani.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Leggi anche