×

Rifle fallisce, parte la svendita dei jeans: dai 2 ai 3 euro

La svendita dei jeans Rifle dopo il fallimento: 2 - 3 euro a capo d'abbigliamento.

Rifle fallisce svendita dei jeans

La Rifle, storica azienda italiana di moda specializzata nella produzione di jeans, è stata dichiarata fallita dal Tribunale di Firenze lo scorso ottobre e ora partirà la svendita dei prodotti del marchio di Barberino del Mugello. Si tratta di oltre 70mila capi, tra jeans, felpe e camice, che potranno essere acquistati al prezzo irrisorio di 2-3 euro a pezzo.

A coordinare l’operazione è l’Istituto Vendite giudiziarie, Isveg, chiamata a gestire le giacenze invendute degli oltre 13 negozi facenti capi all’impresa.

Rifle fallisce, parte la svendita dei jeans

Stando a quanto riferito dallo stesso Isveg, la vendita dei capi verrà effettuata in un outlet dedicato e dovrebbe svolgersi nel mese di marzo nel rispetto di tutte le norme vigenti in materia di covid.

No dunque a lunghe code davanti ai negozi, mentre si ad ingressi scaglionati. Maggiori dettagli sul tema verranno comunicati dall’Istituto nei prossimi giorni.

Per la Rifle è la fine di un lungo percorso che aveva portato l’azienda italiana ad essere tra le prime nel Paese per la produzione di jeans e una delle poche ad esportare i propri capi anche negli Stati Uniti. Il successo era stato possibile grazie all’impegno dei fratelli Giulio e Fiorenzo Fratini che nel 1958 fondarono l’azienda.

Il vero boom arrivò negli anni ’60 e durò fino agli ’80. Da allora alti e bassi con il vano tentativo nel 2017 di far entrare fondi esteri messo in atto dal figlio di Giulio Fratini, Sandro. L’impresa, tra produzione e punti vendita, contava 96 dipendenti.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora